Andrew Lichtenberger sfodera un fold river non per tutti

Nov 4, 2023

Andrew Lichtenberger

Andrew Lichtenberger è tornato sulla scena e ha fatto davvero buonissimi risultati di recente. Il player americano, che nel corso degli anni ha cambiato veste svariate volte senza però rinunciare alla qualità del suo gioco, è reduce da un heads up molto intenso contro Isaac Haxton. Il contesto era il Super High Roller Bowl VIII, di certo non un evento di poco conto.

Come ben sappiamo è stato Ike a portare a casa il titolo e la prima moneta da 2,76 milioni di dollari. Per Lichtenberger c’è stata la consolazione – magra a dire il vero – di 1,68 milioni di dollari. A proposito di questo heads up, vogliamo concentrarci in particolare su una mano in cui il buon Andrew si è reso protagonista di un fold tecnicamente molto difficile e anche non semplice da spiegare.

Proviamo a farlo con un’analisi decisamente approfondita.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

La mano ai raggi X

Situazione: heads up livelli 20.000/40.000 big blind ante 40.000

Preflop: Isaac Haxton da bottone vede J♦10♦ e opta per il limp-call sul raise di Andrew Lichtenberger, che aveva rilanciato a 215.000 con K♠J♣ da big blind. Il pot sale a quota 470.000 chips.

Flop: J♥10♠2♣ – Lichtenberger decide di fare pot e Haxton si appoggia in call. Il piatto sale ora a quota 1.410.000 chips.

Turn: 9♣ – Ancora una bet da parte di Andrew che stavolta ne abbassa l’entità: 400.000 chips al centro e ancora un call da parte di Ike. Il pot sale a quota 2.210.000 chips.

River: 7♥ – Stavolta Lichtenberger decide di fare check e Haxton lo mette ai resti per 1.255.000 gettoni. Andrew ci pensa, prova a carpire info dal suo avversario prima di mettere le carte sotto.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Le idee di Andrew Lichtenberger

La lettura della mano dal punto di vista di Andrew Lichtenberger è, come dicevamo prima, molto complessa. Intanto è interessante scoprire come l’americano vada a variare le sue size bet. Si passa da un pot al flop a 1/4 pot al turn, per poi addirittura checkare su un river che tutto sommato potrebbe essere una blank.

Andrew si è chiaramente messo sulla difensiva dopo aver visto il call di Haxton al flop. Da lì la decisione di abbassare sensibilmente l’entità della puntata sulla quarta carta. La sensazione è che si sia messo in check-fold al river, sperando in un check behind o al massimo in una bet molto piccola di Ike. Haxton, però, ha avuto le sensazioni giuste: la best hand ce l’ho io, il mio opponent ha valore, lo metto ai resti.

Lichtenberger si salva, ma la sua condotta non è stata di certo perfetta.

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?