Artur Martirosian piegato da un bluff fuori di testa

Mag 17, 2023

Artur Martirosian

Artur Martirosian è senza dubbio uno dei giocatori più costanti e regolari nel panorama del poker live internazionale. Il giocatore russo, come da tempra consueta dei suoi conterranei, ha sempre dimostrato di avere ghiaccio nelle vene. Nella mano che stiamo per analizzare, però, qualcosa è andato storto sia nella sua lettura che nella sua condotta.

Tutto merito del portoghese Neves, che non è diventato runner up nel Main Event del PCA 2023 per caso. Il giocatore lusitano ha mandato in scena un grandioso bluff che ha mandato fuori giri Martirosian. Andiamo allora ad analizzarlo nel dettaglio.

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

Un bluff da togliere il fiato contro Artur Martirosian

Situazione: torneo MTT livelli 40.000/80.000 big blind ante 80.000

Preflop: Neves da cut-off spilla K10 e apre a 160.000 chips. Da big blind gioca Martirosian che con 44 decide di chiamare. Il pot sale a quota 440.000 chips.

Flop: 677 – check-call del giocatore russo sulla c-bet a 110.000 del player portoghese. Il pot sale a quota 660.000 chips.

Turn: 2 – ancora un check di Martirosian, ancora una barrel di Neves: 440.000 chips al centro. Il russo ci pensa su e chiama ancora. Il pot sale a quota 1.540.000 chips.

River: 9 – Artur bussa per la terza volta, Neves spinge ancora e mette 1.100.000 al centro. Chiamata non semplice per il pro russo, che mette le carte sotto.

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
508 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

Un piano andato in fumo

Se c’è una cosa sulla quale c’è davvero ben poco da dubitare, è il fegato con cui Neves ha sparato quattro barrel contro un giocatore solidissimo come Artur Martirosian. Tra l’altro in un palcoscenico non di poco conto, come il Main Event dello scorso PCA. Una serie di puntate molto credibili a giudicare dal modo in cui si è completato il board.

Il piano del russo, con ogni probabilità, era quello di fiaccare la resistenza del suo rivale. Più al river che al turn, in modo da poter trasformare la sua mano in un bluff alla quinta strada. Un’opzione praticabile forse più con una donk bet all’ultima carta, che non continuando a check-callare.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Come gioca un top mondiale al NL25: una mano con gli assi

Come gioca un top mondiale al NL25: una mano con gli assi

Torniamo nella mente di un pro, uno dei migliori al mondo come "MMAsherdog", che regala una partita commentata 4x allo ZOOM NL25 di PokerStars. Tutte le mani che gioca sono interessanti, perché le spiegazioni sono molto approfondite e spiegano come pensa un...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Phil 😄
Come posso aiutarti?