Fattore M: cosa è e come funziona l’M-Ratio nel poker

Set 25, 2023

Il “Fattore M” o M-Ratio è un concetto per il poker a torneo, pubblicato per la prima volta da Dan Harrington nei suoi libri sulla teoria del poker, che serve a proporzionare il proprio stack al valore dei blinds e capire in che situazione ci troviamo.

Come concetto è relativamente antico e precedente a molti sviluppi della teoria pokeristica, ma resta un buon sistema di riferimento per sapersi giostrare in un MTT.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
20 €
965 €
500 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Fattore M, ovvero “quanti giri di BTN”

L’M-Ratio si calcola dividendo il proprio stack per il totale di blinds e ante che vengono pagate ad ogni giro di bottone. 

Per esempio se siamo a un tavolo da 10 giocatori con blinds 100/200 ante 20, e uno stack di 40.000 chips, il calcolo sarà 40.000 / [100+200+(20×10)]. Il 20×10 è l’ante moltiplicato per il numero di giocatori al tavolo.

Il risultato sarà 40.000/500=80, e significa che foldando ogni mano possiamo resistere 80 giri di bottone a questo livello.

Cosa possiamo capire da questo valore? Più è alto più possiamo stare tranquilli, il nostro stack è solido e non dobbiamo avere paura di cadere in rovina. Se il valore M scende sotto il 20 dobbiamo cominciare a pensare di recuperare strada, e più è basso, più dovremo tirare la corda.

Nello specifico, oltre i 20 possiamo permetterci di giocare alcune mani speculative, cercare il flop giusto e foldare in caso di situazione avversa. Tra i 10 e i 20 invece dovremo cominciare a stringere un po’, e giocare più orientati verso il valore.

Sotto i 10 le cose cominciano a farsi difficili, bisogna essere pronti a metterle tutte nel mezzo quando rilanciamo, e sotto i 6 basta raise: o push o fold.

Queste almeno erano le indicazioni dei tempi, oggi la strategia può essersi affinata un po’, ma come base o per iniziare queste categorizzazioni sono ancora valide.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

La differenza con i “bb”

Di solito, più comunemente, si paragona lo stack all’entità dei blinds, per esempio dicendo “Ho 40bb”.

Il fattore M è molto più preciso e indicativo, perché c’è una bella differenza tra avere 40bb in un livello con ante o in un livello senza ante.

Per esempio 40bb a 100/200 sarebbero uno stack di 8.000, che corrisponde a M 27, abbastanza buono. Se i blinds fossero 100/200 ante 20, avremmo M 16, che significa che dobbiamo fare un po’ d’attenzione.

Con il BTN o BB ante?

Fondamentalmente non cambia nulla se invece di ante standard si utilizzano BTN o BB ante.

Invece di moltiplicare le ante per il numero di avversari al tavolo, dovremo contare soltanto il valore dell’ante.

Per esempio 20.000 a 200/400 BB Ante 400, equivale a 20.000 / (200+400+400) = M 20.

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Jonathan Little: “Ecco quando iniziare a bluffare”

Jonathan Little: “Ecco quando iniziare a bluffare”

Uno degli errori più frequenti commessi dai giocatori amatoriali è quello di puntare solo con una mano forte. A loro parere, come sottolinea Jonathan Little in un articolo su CardPlayer, l'unico modo per vincere è aspettare una premium hand e mettere le chips al...

leggi tutto
BB ante e BTN ante: cosa cambia e come funzionano?

BB ante e BTN ante: cosa cambia e come funzionano?

Nel poker live, oggi, BB ante e BTN ante sono le modalità più diffuse, al punto che praticamente le ante normali non si vedono più. Ma come funzionano e cosa cambia quando a pagare le ante sono il Big Blind o il Bottone?     Cosa è il BB Ante...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?