Il primo freecoaching di Stephen Chidwick: spiegate le tre strategie per il suo successo

Apr 1, 2024

stephen chidwick

Proprio oggi (1 aprile… se non ci arrivi vai in fondo all’articolo) la leggenda del poker Stephen Chidwick ha deciso di regalare al mondo tre dei suoi più grandi segreti per vincere a poker.

Chidwick, noto per essere più o meno schivo, ha spiegato di voler contribuire a una rinascita del poker spiegando tutto ciò che c’è da sapere per essere sempre un passo avanti agli avversari. Tipicamente non è una buona mossa, ma Stephen probabilmente sa che ci vuole ancora tempo affinché possa perdere edge anche contro chi conosce e sfrutta i suoi trucchi.

In ogni caso resta un’occasione d’oro per aumentare il proprio winrate (dice Chidwick fino al +40% di ROI!). Non perdiamo tempo e scopriamolo insieme!

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
20 €
965 €
500 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Gambla più forte nell’early stage

È una semplice questione di equity, intesa come “aspettativa di guadagno all’iscrizione del torneo”. All’inizio di un torneo, il tuo stack vale esattamente come il montepremi totale diviso le chips in gioco, che in altre parole vale quanto il tuo buy-in meno la rake. Quindi all’iscrizione – senza considerare le skill – stai già perdendo dei soldi.

Se raddoppi, però, ecco che la tua equity raddoppia subito. Da un ritorno atteso di -diciamo- €9, una perdita di €1 sul buy-in di €10, passi a €18, quindi un guadagno di €8. Se raddoppi di nuovo, o elimini un avversario, il tuo guadagno diventa €17 o €26! E questo senza contare che le eliminazioni avversarie aumentano la tua probabilità di arrivare ITM.

Insomma, basta pushare molto spesso nelle prime fasi per ottenere benefici: spesso la gente folderà e il tuo stack salirà (riducendo le possibilità di perdere), e quando chiameranno nel 50% dei casi ti garantirai un ROI dell’80%! E facendolo di nuovo (25% dei casi) potresti arrivare anche a uno strabiliante 260%.

 

Rilancia quasi tutte le mani

I giocatori non amano rischiare se non hanno sicurezza, quindi molto spesso un’action aggressiva può garantirti il piatto. E anche se li trovassimo top range (2,56% dei casi) giocheremmo in media al 25% di equity.

Insomma, tanti fold e dead money, e di tanto in tanto uno showdown dove partiamo in svantaggio ma una volta su quattro vinceremo, andando a compensare. Ma non è tutto qui.

Le strategie GTO sono studiate partendo dai range ottimali, e pertanto non considerano le mani che non fanno parte di questi range. Su un K-8-2, l’avversario giocherà sapendo che non puoi avere mai 8-2, e sarà qui che lo pizzicherai e gli porterai via tutto.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Board coverage

Visto quanto detto sopra, la strategia migliore per battere quella attuale prevede di trovare sempre qualcosa di buono su ogni board possibile. Aumentare questa possibilità con più mani possibile è essenziale.

Giocando mani come 10-6 invece di 10-9, aumenti di molto i board su cui puoi trovare progetti di scala, perché si aggiungono i vari 2-3-4, 3-4-5, 4-5-7 e così via. L’importante è avere sempre un po’ di equity per minimizzare i rischi, il resto lo fa l’aggressività e la dead money.

Per lo stesso motivo le mani off-suited acquisiscono valore. Anche se come equity grezza sono peggiori, possono giocare il doppio dei flush draw e dei backdoor. Non possono chiudere colore al flop, ma tipicamente è un board che freeza quindi va bene così.

Ricordiamo la famosa frase di Amarillo Slim:

“I dont play any two suited cards. I play any two non-suited cards. That way I am drawing at two different flushes.”

Insomma, un 10-9s contro un 10-9o è solo un 52,5% contro 47,5%. E un J-6o passa addirittura in vantaggio.

 

 

Articolo scritto il 1° aprile. Tutto ciò che hai letto è… sbagliato! (Tranne la cit di Amarillo Slim, quella è vera)

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Quando e come fare un check-raise | Jonathan Little

Quando e come fare un check-raise | Jonathan Little

Una delle mosse più aggressive, forti e divertenti del poker, ma come tutto bisogna avere accortezza del come e quando. Di cosa stiamo parlando? Del check-raise, ovviamente, mossa che spaventa i più timorosi e ingolosisce troppo i più aggressivi. Jonathan Little ci...

leggi tutto
Come giocare sui monotone board? Tira il freno…

Come giocare sui monotone board? Tira il freno…

Dara O'Kearney è uno dei più prolifici e stimati teorici del poker del momento, autore di numerosi libri di poker specializzati in diversi argomenti e frutto di approfondite e puntigliose ricerche. In un articolo pubblicato su pokerstrategy.com, Dara da un'occhiata ai...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?