I motivi di un 4-bet push e il suo equilibrio nel cash game

Dic 20, 2023

small bet underbet poker nitty

Sarà capitato anche a voi, magari ai primi tempi alle prese con la GTO, di studiare una soluzione di un solver e trovarla controintuitiva. Dopo la 3-bet di un avversario… dovrei pushare QJ?

Questo è esattamente ciò che spiega lo youtuber Poker Giraffe nel suo ultimo video, che linkiamo in fondo perché molto interessante, che ci ha ispirato nella stesura di questo articolo.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Che ci crediate o no, i motivi di un all in preflop non stanno solo nel valore e nel bluff e nel loro punto di equilibrio “inexploitabile”, né solo nei blocker-unblocker e simili.

Alcune delle mani che magari hai sempre pensato che fossero giocate così per valore, si rivelano non essere tali. Pensa ad AK, per esempio. Qualcuno chiamerebbe un push preflop 100x con AQ o KQ? Più solitamente saremo in flip o dominati, quindi non è valore. Approfondiamo.

Lo spot specifico in considerazione è stato studiato su GTO Wizard, ed è un raise 2,5 da BTN, 3-bet 12 da SB, e risposta di BTN. Sono range larghi per definizione, e quindi un po’ più spaziosi per quanto riguarda punti di equilibrio e – diciamo – action estrose.

Valore

Può sembrare paradossale, ma nel range di risposta di una situazione del genere, non c’è range di valore. Perché in questa situazione, un all in 100bb contro un raise di 12bb, ha troppa fold equity per aver senso di essere fatta con KK, AA e simili.

Quelle mani si trovano molto meglio con una 4-bet più bassa, nell’esempio 26bb, o addirittura con un call nel caso di AA che vuole approfittare delle continuation bet del 3bettor con 88bb di stack effettivo su pot di 25bb.

Bluff

In un certo senso, non esiste nemmeno range di bluff, anche perché non c’è valore da controbilanciare. Ci sono alcune mani che possono essere considerate come tali, ma il loro motivo è un altro, approfondiremo in seguito.

Massimizzare la negazione dell’equity

Come abbiamo spiegato nell’articolo sulla negazione dell’equity, questa ha un’idea molto simile al bluff, ma con fine diverso.

In questa categoria rientra Q-J suited, e molti si saranno chiesti perché diavolo andare all in con una mano simile. La risposta è che si porta al fold un certo numero di mani che ci dominano, come A-Qo, K-Js, A-Js e anche la stessa Q-J, mangiando loro un buon 70% di equity.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

È una risposta più profittevole del call, con cui rischiamo di perdere molto di più post flop quando hittiamo una top pair. Ovviamente non vogliamo che l’avversario chiami, ma anche fosse, Q-J non gioca così male! 

Contro AA, KK e le 3 combo di QQ è una brutta situazione, ma contro JJ siamo al 37%, contro un underpair circa al 50% e contro AK al 40%. Al limite, ma ancora buono per pot odds, soprattutto considerando che parte delle perdite viene compensata dalle volte in cui SB folda preflop.

Equilibrio

Se non shoviamo A-A, K-K, e lo facciamo solo con Q-Js allora è facile individuare il problema. Ogni avversario snapperà con K-Js, A-Qo e mani che ci dominano.

Per questo motivo il solver propone di andare all in con una buona frequenza con A-Ko: blockera A-A, K-K, A-K, non ha il valore di A-Ks, ma soprattutto impedisce agli avversari di chiamare con A-Qo e K-Js, perché il problema si rivolterebbe contro di loro.

In due parole

Ogni mano che selezioniamo per una 4-bet jam, esiste solo in funzione del range di call avversario. I solver fanno esattamente questo, reiterando poi la soluzione a parti inverse fino a trovare un equilibrio.

Per questo motivo A-A non va all in, perché il range di call di SB si modificherebbe in funzione di questo, e perderemmo tutti i vantaggi di cui abbiamo appena parlato.

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Come giocare sui monotone board? Tira il freno…

Come giocare sui monotone board? Tira il freno…

Dara O'Kearney è uno dei più prolifici e stimati teorici del poker del momento, autore di numerosi libri di poker specializzati in diversi argomenti e frutto di approfondite e puntigliose ricerche. In un articolo pubblicato su pokerstrategy.com, Dara da un'occhiata ai...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?