Jonathan Little: “Ecco quando iniziare a bluffare”

Mag 9, 2024

Jonathan Little pokergo cup

Uno degli errori più frequenti commessi dai giocatori amatoriali è quello di puntare solo con una mano forte. A loro parere, come sottolinea Jonathan Little in un articolo su CardPlayer, l’unico modo per vincere è aspettare una premium hand e mettere le chips al centro, sperando di trovare qualcuno che paghi.

In realtà con questo metodo nessuno ti pagherà, a meno che non trovi qualcuno con una mano leggermente meno forte. Per questo motivo Little suggerisce un metodo: dovresti iniziare a bluffare. Volta per volta, senza farlo in maniera compulsiva e improvvisa. “Time to time“, scrive nell’articolo. E allora capiamo quando è il momento giusto per iniziare a farlo e a farlo con costanza.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
20 €
965 €
500 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Jonathan Little ci invita a bluffare

E c’è un altro elemento che il buon Jonathan sottolinea: le mani migliori con cui bluffare sono al tempo stesso quelle che hanno maggiori possibilità di migliorare sul board. In particolare al turn e al river.

Quindi, se sei noto al tavolo per la tua immagine molto tight, i tuoi avversari saranno incoraggiati a foldare se ti vedono giocare con una certa convinzione. Il motivo è presto detto ed è legato all’inizio di questo articolo: la tua immagine di giocatore che spinge solo con le premium hand sarà credibile a sufficienza quando blufferai e quindi indurrò gli opponent a mollare i colpi.

Un altro aspetto che potrebbe andarci bene è trovarci di fronte a una calling station. Ci va bene perchè giocare con le premium hand ti potrebbe dare maggior valore, ma anche giocare in bluff con dei draw ti consentirà di cercare il tuo punto, strada facendo.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Non dare punti di riferimento

Poniamo invece un altro scenario grazie alle parole di Jonathan Little. Decidi di puntare al flop e trovi il call del tuo avversario. Se opti per una second barrel al turn, sarà difficile per l’opponent capire il tuo range. Dopo aver fatto solamente call, infatti, non saprà mai se hai effettivamente una premium hand o se sei in semi-bluff. La stessa cosa, forse ancor più amplificata, può accadere al river.

La cosa più importante è quella di sviluppare una strategia tale che ogni mossa che fai non venga vista come estremamente forte o estremamente debole. Se il tuo avversario ritiene forte la tua bet al flop, renderà il tutto ancor più facile. Si vince nella maggior parte dei casi quando il nostro opponent commette errori, dunque sviluppiamo una strategia che lo induca a commetterne tanti e spesso.

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Sopravvivere ai cooler: le istruzioni di Jonathan Little

Sopravvivere ai cooler: le istruzioni di Jonathan Little

Tra le tante definizioni che possiamo dare del poker, c'è anche quella di 'gioco dei cooler'. Gli incroci infoldabili di carte premium sono infatti parte integrante del Texas Hold'Em. Ma come sopravvivere quando ci si ritrova dalla parte sbagliata del cooler? Sulle...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?