La action della settimana con coach Andrea Cardinali: un mancato push river per valore

Dic 28, 2023

action settimana coach cardinali

Altro appuntamento con le review di Andrea Cardinali. Questa settimana il coach analizza per noi uno spot giocato su tre strade in dinamica bottone vs big blind al Colossal Stack di PokerStars.

In generale, dice il coach mtt, la linea del protagonista è da promuovere, ma le sbavature sono sempre dietro l’angolo

 

La mano

Colossal Stack €20 7-Max PKO di PokerStars, su blinds 12.5k/25k ante 3.250k la parola arriva a bottone, che con 7A e 49.1bb di stack apre x2 secco. Grande buio difende con 40.1bb di stack.

Flop 5AA dopo il check di big blind, bottone prosegue 2.16bb su 5.41bb di pot, call.

Turn Q nuovo check di bb, hero va in second barrel a 3.9bb su pot di 9.74bb, big blind raise a 9.79bb, call.

River 3 big blind bet 10bb su pot di 29.3bb, bottone chiama e incamera il pot. BB aveva 67.

 

Tre size al flop

Con il preflop che rientra nel pieno standard, Cardinali inizia ad esaminare la size di continuation-bet adottata da bottone:

Secondo il solver hero può adottare tre size diverse: 20%, 33% 55%. Di sicuro è difficile gestire un pairato con tre size diverse. Puntando il 33% l’errore è pressoché è nullo, ma personalmente preferirei una bet del 25%, un quarto pot secco, con tutto il mio range.

bet flop analisi coach cardinali

La chart delle bet al flop di bottone

 

Al turn meglio half-pot

Sulla donna turn dopo il check di big blind bottone va in second barrel sempre per un terzo pot:

La dama di cuori apre un backdoor di cuori che hero può chiamare, così come può chiamare tutte le dame con cui al flop aveva backdoor di picche o di fiori. Difficilmente una dama o un progetto di colore folderanno qui. Per questa ragione dimensionerei la puntata al turn su half-pot, 50% del piatto, invece di un terzo. Sul raise di big blind non ci sono dubbi che dobbiamo chiamare, se shovassimo staremmo trasformando la nostra mano di valore in quasi bluff.

bet turn analisi coach cardinali

La chart del turn di bottone

Al river shove for value

Sul 3 che scende in ultima strada l’avversario punta 33% pot e hero si limita al call.

Qui il solver ci dice di shovare per valore il 100% delle volte. Io shoverei sia in termini exploitativi che ottimali, semplicemente perché nel range avversario c’è una regione di A2-A4-A6 che battiamo, da cui dobbiamo estrarre il massimo valore. Il river è cruciale: andrei in valueshove senza troppi dubbi perché in questo caso il fatto di battere quegli assi peggiori che chiamano risulta decisivo.

bet river analisi coach cardinali

La chart del river di bottone

 

Leggi anche: Una size river sbagliata

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Come non giocare una coppia di assi e Moncek ringrazia

Come non giocare una coppia di assi e Moncek ringrazia

Secondo la volgata comune, con la mano di partenza più bella del gioco, la coppia di assi, "si vince poco e si perde tanto". Nella sessione dello scorso venerdì alla 50$/100$ del casinò Hustler uno spot condito da numerosi errori ne ha dato una ulteriore riprova....

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?