Petrangelo si salva dal cooler contro Phil Ivey. Avrebbe potuto fare meglio?

Giu 16, 2022

nick petrangelo mmasherdog poker cash game high stakes

Jonathan Little analizza una mano giocata tra Nick Petrangelo (a detta di molti uno dei giocatori più preparati sugli MTT oggi) e Phil Ivey (leggenda del poker che non ha bisogno di introduzioni).

Il ring è il Super High Roller Bowl da $300.000 e montepremi da $5.000.000, e la mano è la seguente:

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Nick Petrangelo vs. Phil Ivey

Situazione: Day 1 del Super High Roller Bowl da $300.000, blinds 1.000/2.500 BB Ante 2.500

Preflop: Phil Ivey (159k) rilancia a 6.000 con A9, Petrangelo (598k) difende il BB con 32♥.

Flop: AJ9 (15.500) – Nick Petrangelo check-calla la bet 6.000 di Phil.

Turn: AJ9 7 (27.500) – Nick va in leading per 18.000, call di Ivey.

River: AJ9 7 9♣ (63.500) – Petrangelo punta 48.000 gettoni, Phil ci pensa un po’ e va all in per 135k. Nick sussurra un “Fuck” tra sé e sé, riflette fino al limite del time bank e infine folda.

 

L’analisi di Little

Action preflop molto lineare. Petrangelo difende con 32s, potreste chiedervi perché, ma è una mano più che legittima da BB e con le ante in gioco.

Al flop mi sarebbe andata bene anche una bet più alta, perché è un board molto coordinato. Petrangelo si limita al call perché il board è molto buono per il range di Ivey, quindi non avrà molti check-raise.

Potrebbe sembrare strano il leading di Petrangelo con il colore più basso possibile, perché l’original raiser avrà molti buoni flush nel range. Però con molte carte alte sul board diventa più difficile che Ivey abbia così tanti flush, mentre Nick ha tutte le mani suited. Mani come 83s, 97s, 63s, sono tutte mani che Ivey non rilancerebbe ma Petrangelo difenderebbe.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
200 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Quindi in questo caso puntare ha senso, e ha ancora più senso se ti aspetti che il tuo avversario checki behind molto spesso, ma non saprei dire se è questo il caso.

Anche se il board paira al river, la mano di Petrangelo è quasi sempre buona, quindi va con una bet 48.000 per ricevere i call di mani come AK, AQ, T9. E Phil decide di andare all in.

Nick si prende tutto il tempo che gli serve, ma infine fa un buon fold. Su questo board Ivey può avere tutti i full possibili, e anche qualche buon flush come K10.

Forse poteva essere un’idea puntare piccolo al river, in modo da poter rappresentare più mani come ad esempio AQ e spingere Ivey a rilanciare con una size più piccola per farsi pagare. Petrangelo invece usa una size che dice “O ho una mano molto buona o sto bluffando”. 


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Entra nella migliore community di poker in Italia

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutte le nostre iniziative !

x

Entra nella migliore community di poker in Italia

newsletter

Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Phil 😄
Come posso aiutarti?