Sean Perry vs David Peters: pazienza e intraprendenza per vincere

Feb 7, 2022

sean perry

Torniamo a osservare in maniera molto scrupolosa e attenta una delle mani disputate in uno degli eventi dello Stairway to Millions. In particolare vogliamo soffermarci sull’ultimo evento, ovvero l’High Roller da 100.000 dollari di buy-in. Tra i protagonisti che abbiamo potuto osservare al tavolo finale c’era anche Sean Perry.

Il player americano non si è fatto notare solamente per la canotta di LeBron James che ha indossato nell’ultimo step di questo evento. Sean è riuscito a mettersi in luce anche per alcune giocate che gli hanno consentito di arrivare fino in fondo al torneo. Anche se alla fine ad avere la meglio è stato un Nick Petrangelo in vera God mode.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Andiamo a vedere come sono andate le cose in questa occasione, in cui Perry ha incrociato le armi con David Peters.

Sean Perry porta via una chip per volta

Situazione: final table livelli 15.000/25.000 big blind ante 25.000

Preflop: Peters da small blind vede 10♦7♦ e completa sul grande buio, dove c’è Perry che con Q♠10♠ si limita al check. Il pot sale dunque a quota 75.000 chips.

Flop: 7♠5♠5♣ – David fuori posizione decide di puntare 25.000, trovando il call di Sean in posizione. Così il pot sale a quota 125.000 chips.

Turn: Q♣ – La parola torna a Peters che questa volta opta per il check. Allora Perry esce in puntata per 80.000, trovando il call del suo avversario. Il pot sale a quota 285.000 chips.

River: 6♥ – C’è ancora un check da parte del giocatore sullo small blind, mentre Perry esce ancora una volta in puntata: 225.000 chips al centro. Peters guarda il suo stack (circa il doppio della bet di Sean) e fa call.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

In questa occasione Sean Perry è stato bravo ma soprattutto molto paziente. Si è reso conto di avere una mano molto vantaggiosa fin dall’inizio, quando è entrato in flush draw. Di certo la Q♣ ha aiutato tantissimo nella gestione del colpo.

Ma ad aiutare ancor di più è stato un David Peters troppo passivo nell’accontentarsi di una second pair fino al river. Una cattiva lettura gli è stata fatale.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

 

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?