Tom Dwan può essere bluffato? La risposta ce la dà Stanley Tang

Giu 11, 2022

Tom Dwan LAG

La stagione numero 9 di High Stakes Poker ci ha regalato diverse giocate e tante mani molto interessanti. Ce ne siamo accorti anche nei giorni scorsi, tra i recap che vi abbiamo offerto e alcune mani che abbiamo deciso di analizzare. In tante di queste situazioni ci siamo ritrovati ad analizzare diversi colpi giocati da un mostro sacro come Tom Dwan.

Il fortissimo grinder high stakes americano è stato al centro di tante situazioni da vivere in maniera molto intensa. Questa volta Durrrr ha recitato la parte di quei giocatori che ha spesso sfidato, fin dall’inizio della sua carriera. Ovvero la parte del player con una pocket hand fortissima tra le sue mani e al tempo stesso vittima di un tentativo di bluff del rivale. Questa parte è stata invece interpretata da Stanley Tang.

 

Comparazione Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
500 €
500 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Stanley Tang prova a bluffare Tom Dwan

Situazione: cash game livelli 500/1.000/1.000 dollari

Preflop: Jason Koon rilancia a 2.500 dollari con 10♣7♣ da early position, Tang si appoggia con 10♠2♠ da cut-off. Dwan da small blind gioca con Q♣Q♥ 3-bettando a 14.000 dollari. Fold di Koon, call di Tang. Il pot sale a quota 32.500 dollari.

Flop: 7♦4♦2♥ – Durrrr c-betta a 22.000 dollari e trova il call del suo avversario. Il pot sale a quota 76.500 dollari.

Turn: J♦ – questa volta Dwan si limita al check, Stanley ci pensa qualche secondo prima di puntare 40.000 dollari. Tom opta per il call, il pot sale a quota 156.500 dollari.

River: 7♥ – ancora un check per Durrrr e parola ancora a Tang, che decide di shovare per 116.000 dollari complessivi. Decisione difficile per Dwan che si prende poco più di un minuto prima di fare call.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
1000 €
508 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Tom Dwan ha avuto molto sangue freddo nel riconoscere che la sua mano era ancora la migliore. Anche al river, quando Tang ha provato a prendersi il pot di forza, su un board pairato e con un progetto di colore al quale Durrrr, evidentemente, non credeva. Anche perchè l’imprenditore ha giocato in maniera molto passiva, con il doppio flat preflop e il call al flop.

Per Dwan, invece, è valsa la vecchia regola dei grandi pionieri del gioco: se hai over-pair, vai fino in fondo.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?