Tre approcci da avere per mantenere uno stack alto in un MTT

Dic 27, 2022

stack MTT domenicali
Quasi tutti i giocatori MTT si sono trovati in una situazione simile. Abbiamo preso il nostro stack di partenza e lo abbiamo costruito pazientemente, magari raddoppiandolo o più. Siamo faticosamente arrivati a dettare il ritmo di gioco, diventando chip leader del tavolo. Quando quest’ultimo si scioglie però, iniziano i problemi, venendo trasferiti in territori estranei dove quasi sempre, c’è qualcuno con lo stack più grande del nostro.
Una situazione ostile che richiede modifiche nel nostro comportamento, adottando strategie che possano mettere al sicuro il nostro patrimonio.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
508 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Ecco tre approcci da adottare in una situazione simile:

 

Aggredire gli short stack

Per molti versi, questa tecnica può essere applicata a tutto il torneo. Una volta arrivati a un nuovo tavolo, converrebbe sempre analizzare gli stack presenti prendendo nota dei tre stack più piccoli del tavolo. Prendiamo nota della loro posizione rispetto alla nostra e del tipo di posizione che avremo su di loro in determinati momenti, attendendo il momento giusto per attaccare.
Nel momento in cui ci troviamo ad essere il secondo stack, però, non bisogna MAI perder d’occhio il chip leader. Se uno di questi “shorties” si trova tra noi e lui, probabilmente bisogna lasciare che il chip leader se lo mangi. È normale voler sempre dettare il ritmo ma, se il chip leader è in posizione, è difficile fare qualcosa al riguardo.

 

Stare lontani dal chip leader

Approfondendo il punto precedente, questa è la cosa più importante da fare quando si ha uno stack alto ma non si è il chip leader. Non c’è assolutamente alcun motivo per scontrarsi con chi sta comandando, soprattutto se ci sono abbastanza chips per entrambi. A maggior ragione se ci si trova nelle prime fasi del torneo, scontrarsi con il chip leader del tavolo non è corretto dal punto di vista della sopravvivenza. essendo l’unico stack che può eliminarci dall’evento. Anche se non si viene eliminati, le battaglie prolungate contro un avversario con una potenza di fuoco superiore possono spesso avere un effetto negativo sulle nostre munizioni (le fiches) e sulla nostra mentalità al tavolo.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
1050 €
965 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Avere il controllo sul pot

Inevitabilmente, è arrivato il momento in cui è necessario affrontare il chip leader. Qui bisogna assicurarsi di alcune cose essenziali. Innanzitutto, partecipando in una mano, dobbiamo assolutamente avere posizione sul giocatore. In caso contrario, sarà l’opponent a dettare il ritmo di gioco e, cosa forse più importante, a stabilire quanto stiamo giocando. Avendo posizione sull’avversario, possiamo controllare la dimensione del pot e prendere le decisioni appropriate con tutte le informazioni a disposizione.
In secondo luogo, sono proprio queste informazioni che dobbiamo prendere in considerazione. Che mani gioca di solito? Loose o tight? Passive o aggressive? Queste domande devono essere chiare nella mente prima di affrontare il chip leader. Infine, quando si decide di affrontare il big stack, assicuriamoci di farlo con una mano forte. Ovviamente non per forza bisogna aspettare pocket Aces o pocket Kings, ma dovrebbe esser scontato avere a disposizione una mano con probabilità di vittoria medio-alta.

 

Se ti è piaciuto l’articolo, questo potrebbe esserti utile.

 


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Come adattare la strategia quando si gioca Deep Stack

Come adattare la strategia quando si gioca Deep Stack

I giocatori MTT sono più ferrati nel gioco short / mid stack, tra i 10 e i 50 bb circa, mentre la strategia cash game solitamente si riferisce sempre a stack effettivi 100x, lo scenario più diffuso. Ma quando qualcuno raddoppia, triplica, vince qualche posta... come...

leggi tutto
Lex Veldhuis svela i 5 vantaggi quotidiani nel poker

Lex Veldhuis svela i 5 vantaggi quotidiani nel poker

Se vuoi riuscire a migliorare e mantenere alte le tue performance nel poker - sia live che online - ci sono sempre degli accorgimenti da apportare. Non si tratta solo di cose da migliorare nel tuo stile di gioco, ma anche una gestione migliorare della tua routine...

leggi tutto
Il ritorno del chek-raise secondo Daniel Negreanu

Il ritorno del chek-raise secondo Daniel Negreanu

Nel giorno stesso in cui abbiamo parlato dell'exploit di Fedor Holz, Daniel Negreanu si unisce al coro parlando del check-raise che sta vivendo una rinascita. E come se non fosse abbastanza, spiega anche come contrastarlo... dobbiamo già buttare via i consigli del...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?