Perchè Hellmuth e Negreanu hanno ragione nelle critiche al WSOP POY

Nov 4, 2021

daniel negreanu poy

La polemica sta divampando in maniera importante negli ultimi giorni, proprio quando ci si avvicina all’inizio di uno degli appuntamenti più importanti delle World Series of Poker. L’oggetto della contesa è rappresentato dal premio che più di tutti dovrebbe celebrare il miglior giocatore di un’intera edizione. Stiamo ovviamente parlando dell’alloro di Player of the Year.

Già negli anni scorsi questo premio era finito al centro di numerose discussioni. In un caso si finì a contestare la presenza nelle primissime posizioni di Chris Ferguson, che ebbe il merito di ottenere numerosi ITM in eventi dal buy-in bassissimo e sfiorò il trionfo. Due anni fa, invece, Daniel Negreanu fu l’imbarazzato vincitore di un premio che, in base a una rettifica nei calcoli, fu assegnato a Robert Campbell.

 

Comparazione Bonus Poker

RoomBonusVisita
Rakeback
45%
Rakeback
20%
Rakeback
30%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

In questo 2021, però, la polemica torna a esplodere e vede due portavoce d’eccezione.

WSOP POY, la polemica di Hellmuth

In principio fu Phil Hellmuth a portare avanti la sua invettiva contro il WSOP POY. Il vincitore del braccialetto numero 16 in carriera, reduce da un inizio di World Series strepitoso con ben sei Final Day giocati, lamenta il fatto di essere “solo” al terzo posto (divenuto nel frattempo quarto) nonostante questa lunga sfilza di piazzamenti. A differenza di Shaun Deeb che con due soli Final Table giocati è a ridosso di The Poker Brat.

Sulla stessa lunghezza d’onda c’è anche lo stesso Negreanu, il quale ha proposto una soluzione in cinque punti:

  • Conteggio dei migliori 8 piazzamenti a premio
  • Valutazione al rialzo del rapporto tra ITM e punti per la classifica
  • Valore maggiore assegnato agli eventi Championship e High Roller
  • Punteggi rimodulati in base al field complessivo dei tornei
  • Obbligo di vincere almeno un braccialetto

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
Rakeback
45%
Rakeback
40%
Rakeback
20%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Una classifica quasi obsoleta

Ci sentiamo di sposare quasi del tutto le lamentele e le critiche avanzate da Hellmuth e Negreanu nei confronti della classifica del Player of the Year WSOP. Una classifica che non sembra quasi tenere conto dei tempi che cambiano e delle modifiche piuttosto importanti presenti nella schedule della kermesse, ormai da qualche anno.

Appare chiaro il fatto che il conteggio dei punti su tutti gli eventi non valuta le priorità degli stessi giocatori. In estrema sintesi: i grandi giocatori non si “sporcano le mani” negli eventi da 1.500 dollari di buy-in in giù e al tempo stesso i giocatori occasionali non possono permettersi di schierarsi nei Championship e negli High Roller.

La soluzione più immediata che ci viene in mente? Una doppia classifica che distingua i tornei in base ai buy-in. Può bastare?


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Campione EPT sospettato di furto ed effrazione

Campione EPT sospettato di furto ed effrazione

Per molti di noi un premio quasi milionario è uno di quei colpi che cambiano la vita, e sicuramente diminuisce le probabilità di trovarsi a fare qualcosa di illegale per guadagnare dei soldi. Potrebbe invece non essere il caso per Jordan Saccucci, sospettato di essere...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Phil 😄
Come posso aiutarti?