ICM e Laddering – Perchè pensare a guadagnare una posizione è un errore

Apr 18, 2024

late registration conviene icm

Quali sono gli errori più comuni quando si inizia a ragionare in chiave ICM? Dara O’Kearney, con un articolo apparso su PokerStrategy, si è soffermato su uno in particolare. Stiamo parlando del “laddering“, ovvero del concentrarsi in maniera eccessiva sul fatto di guadagnare a tutti i costi la posizione successiva nel payout di un torneo.

Andiamo a vedere allora i concetti espressi da O’Kearney.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
508 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Il laddering e l’errore in chiave ICM

Quando le persone iniziano a entrare a contatto con l’ICM, a volte si adattano in un modo così forte da essere quasi “incatenati” e a diventarne quasi assoggettati. A rendere ancor più pesante questa cosa c’è il fatto di pensare erroneamente che ICM e “laddering” siano la stessa cosa.

Il laddering è quel fenomeno per cui giochi tight per scalare una singola posizione nel payout. Questa è ovviamente una buona strategia quando c’è un giocatore corto che va all in e tu hai una mano marginale. Nel caso in cui c’è già un giocatore che chiama, dovresti avere la certezza quasi totale di scalare questa posizione.

Tuttavia, secondo O’Kearney i giocatori mettono troppa enfasi nel laddering. Ne emerge un problema inevitabile, soprattutto nell’online, che consiste nell’indurti a metterti in sit out.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Poniamo un esempio in cui siamo in 5 a un tavolo finale. Il più corto al tavolo va ai resti e il chipleader del tavolo si isola shovando a sua volta. In questo caso il secondo in chips farebbe bene a disinteressarsi del colpo in caso di mano marginale. Così facendo avrebbe una grande occasione per mettere in atto il “laddering”, guadagnando una posizione e anche qualche euro in più.

Tuttavia, il secondo in chips non deve giocare pensando solamente a scalare una posizione in più. Dovrebbe pensare a tutte le posizioni del payout e a come guadagnarsi l’opportunità di scalarle giocando, e non accettando in maniera passiva che gli altri players si eliminino a vicenda.

Dal punto di vista degli short stack, invece, secondo l’ICM c’è maggiore intenzione a prendersi rischi. Restare passivi, invece, concede meno chances di scalare il payout. Rischiare di più vuol dire provare a invertire una equity che li vede quasi condannati a uscire per primi.

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Sopravvivere ai cooler: le istruzioni di Jonathan Little

Sopravvivere ai cooler: le istruzioni di Jonathan Little

Tra le tante definizioni che possiamo dare del poker, c'è anche quella di 'gioco dei cooler'. Gli incroci infoldabili di carte premium sono infatti parte integrante del Texas Hold'Em. Ma come sopravvivere quando ci si ritrova dalla parte sbagliata del cooler? Sulle...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?