L’incredibile escalation di Pasquale Braco: dalle deep run sfumate al successo al 6-max delle Aussie Million!

Gen 13, 2020

Se vi piacciono i nostri contenuti iscrivetevi al nostro gruppo su Facebook!

Tutti intenti a scovare la nuova rivelazione tra i nostri azzurri, il Dario Sammartino del futuro per metterla in termini prosaici, che per poco non ci perdevamo lui, Pasquale Braco.

La regione di provenienza è la stessa di MadGenius, anche se l’età non è certo quella degli enfant terrible dell’online.

Eppure i risultati ottenuti nel live, sebbene meno altisonanti del suo concittadino, sono di tutto rispetto e soprattutto arrivano con una costanza che in pochi possono vantare.

Che poi vi siano stati degli incroci favorevoli, sia in termini di redraw ai tavoli che in quanto a cooler veri e propri, questo fa parte del gioco nel bene e nel male.

Ma quando si arriva spesso in fondo e sempre in tornei con field nell’ordine delle migliaia di iscritti uno il dubbio se lo pone: e se non si trattasse soltanto di fortuna?

Il successo di Pasquale Braco alle Aussie Million

Dopo l’anello al WPT di Rotterdam dello scorso 17 novembre, Pasquale ha portato a casa un altro torneo, il 6-max delle Aussie Million da 1.250$ di buy-in.

Un’affermazione importante, non soltanto per la distanza che intercorre tra Napoli, la città natale, e Melbourne, quanto piuttosto perché arriva dopo una serie di risultati di tutto rispetto.

In questa circostanza Braco ne ha messi in fila 560 (559 se escludiamo lui), mentre in Olanda il field poteva vantare 790 iscritti. Tutto sommato pochini se paragonati a quelli del Main EPT di Barcellona o agli oltre duemila del The Colossus, dove ha raggiunto la top ten in entrambi i casi.

Sarà che arrivare in fondo per poi vedere gli altri intascare i premi più importanti non è proprio la fine del mondo, ma qualcosa dev’esser pur cambiato e non soltanto a livello di good run, come si dice in gergo. Qualcosa è cambiato nella sua testa, oltre che nelle sue tasche, e questo è un dato di fatto.

L’anno della rivelazione

Il 2019 è stato indubbiamente il suo anno e anzi, le cose sarebbero potute andare decisamente meglio se qualche deep run fosse andata in porto nella maniera auspicata.

Andando a scorgere i risultati ottenuti dagli italiani nell’anno appena trascorso, soltanto in tre hanno fatto meglio di lui. Il primo, nemmeno a dirlo è Dario Sammartino, inarrivabile per tutti.

Dietro di lui Gianluca Speranza, che però gioca anche gli high roller e conseguentemente anche un minimum cash ottenuto in un torneo dal buy-in elevato farà lievitare in modo sproporzionato in termini di incassi lordi.

Il terzo di questa speciale classifica è Alessandro Scermino, che lo scorso anno tra ISOP Main, IPS Main e IPO Sanremo (senza contare la sfilza di bandierine piazzate un po’ ovunque) ha incassato poco meno di mezzo milione di euro.

Evidentemente quel podio mancato non è andato giù a Pasquale, che aveva chiuso l’anno con oltre 300mila euro di incassi lordi, l’annata migliore da quando ha cominciato a bazzicare tra i tornei di poker live.

Motivo per cui si è presentato subito ai nastri di partenza mettendo a segno uno shot da 128mila dollari australiani (circa 80mila euro), che al momento lo fa schizzare in testa come miglior italiano in questo 2020, almeno in termini di risultati maturati.

L’escalation di Pasquale Braco

Negli anni passati qualche soddisfazione se l’era tolta, anche se le cifre erano ben lontane da quelle di cui vi abbiamo appena parlato.

Il primo risultato su hendonmob risale a luglio 2008: un runner-up da 40mila euro al Main del Poker Tour di Campione che fino al 2019 rimarrà il miglior score in carriera.

Nel mezzo tante bandierine, qualche bel successo sebbene di piccole dimensioni e una gran voglia di affermarsi per davvero in quel giochino che pian piano era diventato l’occupazione principale.

La svolta, quella vera, arriva a Barcellona, lo scorso agosto. La tappa catalana dell’European Poker Tour non è come le altre, è l’appuntamento clou per chi ama il poker live e vive in Europa.

Pasquale sceglie proprio questo per mettersi in mostra, mettendo a segno due deep run straordinarie nei due eventi di cartello: l’EPT National e il Main EPT. Nel primo chiude 11° sfiorando il tavolo finale, nel secondo riesce addirittura a raggiungerlo ma chiude soltanto 8°.

Il bottino da oltre 200mila euro rimane comunque un’ottima consolazione, anche se da buoni pokeristi potrete capire da soli quando possa bruciare arrivare così in fondo e accontentarsi dei premi minori dopo aver cullato sogni di gloria per tutta la durata del torneo.

Il miracolo sembra potersi ripetere a Rozvadov, nel già citato The Colossus, ma anche stavolta non riesce ad arrivare oltre al 10° posto. Sembra una maledizione, ma si respira un’aria diversa:

Sento di poter competere con chiunque e far valere la mia nei tornei che gioco. Sembrerà paradossale ma in un certo senso credo di essere in credito con la fortuna…” – mi disse al termine di un’intervista per l’anello vinto a Rotterdam.

Il primo posto e i 25mila euro di premio erano graditissimi, ma non sufficienti a placare la sua fame. Eccolo quindi riprovarci a Praga, al side da 1.100€, assieme ad altri due italiani, Marcello Miniucchi e Marco Regonaschi, tutti al tavolo finale.

Un altro settimo posto difficile da digerire, ma non c’è tempo per perdersi in chiacchiere perché dietro l’angolo ci sono le Aussie Million ed è già tempo di fare le valigie.

Il resto lo sapete già, perché a Pasquale è bastata una settimana per ambientarsi dalle parti di Melbourne e partire col piede giusto. Aspettiamoci di vederlo nuovamente in fondo a qualche torneo e perché no, se fosse proprio lui l’indiziato numero uno per riportare in Italia quel braccialetto che manca dal 2015?

A proposito di tornei di poker, se vi siete persi l’esperienza surreale di Luca Sebastiani all’EPT di Praga CLICCATE QUI PER LEGGERE IL SUO RACCONTO.

Se vi piacciono i nostri contenuti iscrivetevi al nostro gruppo su Facebook!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Diretta streaming a carte scoperte Triton SHRS Montenegro

Diretta streaming a carte scoperte Triton SHRS Montenegro

Giornate di streaming spettacolari in arrivo dal 13 al 26 maggio. In questa pagina seguiremo le dirette da Montenegro delle Triton Super High Roller Series, il circuito dedicato ai tornei high stakes che ad ogni tappa vede accorrere i più forti torneisti da tutto il...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?