Perché andare QUASI all in e rimanere con 1bb dietro? 🤔

Feb 2, 2024

small blind

La nuova moda del poker è sostituire l’all in con un raise… di tutto tranne un big blind! Lentamente questa move si sta vedendo sempre più spesso, e il popolo pokerista si sta giustamente chiedendo perché.

In fondo, che differenza fa giocarsi tutto o rimanere con 1bb? Si spera nel miracolo di “a chip and a chair“? C’è margine di fold postflop? Arriva Jonathan Little con il suo ultimo video a fare chiarezza.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
1050 €
965 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Tutto gira attorno al principio dei tornei secondo il quale le chips che perdi valgono molto più di quelle che puoi vincere.

Little fa un esempio: final table, nove giocatori con 10bb e tu chipleader con 1.000bb. Se elimini qualcuno non cambia molto la tua equity con 1.010bb, ma se un altro giocatore raddoppia e arriva a 20bb la differenza è molta. Quindi il valore delle chips che puoi guadagnare aumenta quando il tuo stack si fa più basso.

Spesso sarai in uno spot con altri giocatori short, e vicino a un payjump in particolare non vuoi andare broke. Ci saranno altri short che possono uscire, o anche big stack che si danno battaglia, non si sa mai.

Giocare tutto tranne una chip, ha più senso al river con un range polarizzato, ma si può fare anche preflop.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
200 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Partiamo dal preflop. La speranza è che la mano si risolva in check-check fino alla fine. Nel migliore dei casi vai a 19bb invece di 20bb, che non fa molta differenza, oppure puoi rimanere con 1bb, che invece è molto meglio che averne 0. Ovviamente non puoi rifiutare se l’avversario va all in.

A volte puoi assicurarti un payjump, soprattutto in tornei con tanti giocatori. Rimani con 1bb e siete 450 in bolla… in questo caso è particolarmente forte.

Nel postflop invece, che sia all in o (all in -1), è sempre una grande bet che sortisce gli stessi effetti. Se lo fai con un range polarizzato, devi essere certo che i tuoi bluff non possano vincere, visto che vorrai foldare in caso di raise.

Insomma, non essere re-bluffato. Jonathan Little l’ha visto succedere una volta, J high che bet-folda contro un T high… e non è piacevole.

Per approfondire o vedere qualche esempio, ecco il video di Little:

 

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Lex Veldhuis svela i 5 vantaggi quotidiani nel poker

Lex Veldhuis svela i 5 vantaggi quotidiani nel poker

Se vuoi riuscire a migliorare e mantenere alte le tue performance nel poker - sia live che online - ci sono sempre degli accorgimenti da apportare. Non si tratta solo di cose da migliorare nel tuo stile di gioco, ma anche una gestione migliorare della tua routine...

leggi tutto
Il ritorno del chek-raise secondo Daniel Negreanu

Il ritorno del chek-raise secondo Daniel Negreanu

Nel giorno stesso in cui abbiamo parlato dell'exploit di Fedor Holz, Daniel Negreanu si unisce al coro parlando del check-raise che sta vivendo una rinascita. E come se non fosse abbastanza, spiega anche come contrastarlo... dobbiamo già buttare via i consigli del...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?