Qual è un buon ROI per i tornei di poker? Risponde Jonathan Little

Apr 29, 2021

Jonathan little aces

Se sei un giocatore di poker specializzato in tornei, potresti esserti domandato quanto dovresti vincere per essere considerato un buon giocatore.

L’indice di qualità negli MTT e nei Sit & Go è il ROI, sigla per “Return On Investments“: un valore percentuale che riporta una media di quanto vinciamo in rapporto al buy-in

Per spiegarci meglio, se giochiamo 100 tornei da $100 e le nostre vincite nette ammontano a $5.000, vorrà dire che abbiamo un 50% di ROI.

In altre parole, basandoci sul nostro campione possiamo aspettarci nel long term di vincere il 50% del prezzo che paghiamo: $50 ad ogni torneo da $100. Nella pratica ovviamente a volte vinceremo un bel po’ e altre verremo sconfitti, ma la media sarà verosimilmente quella indicata dal ROI (dopo un campione statistico affidabile).

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
Rakeback
45%
Rakeback
40%
Rakeback
20%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Detto ciò, quanto vince un buon giocatore? Se ho il 10% di ROI sono un giocatore vincente, ma è poco e ho margini di miglioramento o devo ritenermi soddisfatto così?

Non molto tempo fa sui nostri social ha fatto discutere una dichiarazione di Doug Polk che parlava di 100%-200% di ROI per i migliori giocatori al mondo, dato che non ha convinto molto gli utenti Grinderlab.

Jonathan Little in un suo recente “Ask me Anything” ha risposto alla domanda “Qual è un buon ROI?“, e ha indicato percentuali ben distanti da quelle del cash gamer Polk.

 

Cosa incide sul ROI poker?

Qual è un buon ROI nei tornei di poker? Dipende di quali tornei stiamo parlando. Molti dei più grandi vincenti del poker quando giocano questi tornei online da $10.000 si augurano di avere un 10% di ROI, 20%. Quasi nulla.

E questo è perché questi tornei sono molto, molto duri. Ogni volta che giochi contro un gruppo di buoni player, inevitabilmente nessuno ha questa edge incredibile.

Pensiamoci in maniera logica: diciamo che c’è un giocatore scarso per tavolo, e questo giocatore perde il -50% di ROI. Diciamo che partecipi ai tornei da $10.000, quel giocatore perde a lungo andare $5.000. Questo significa che $5.000 vanno divisi per i restanti 8 giocatori al tavolo: il risultato è $625.

Quindi se c’è un giocatore con -50% di ROI ad ogni tavolo, gli altri bravi giocatori, supponendo che siano ugualmente skillati, vinceranno ben $625, sottraendo la rake da $300-$500… non stanno facendo soldi.

 

Comparatore Bonus Scommesse

BookmakerBonusVisita
Bonus
5€
Bonus
365€
Bonus
20€

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Comunque agli stake più bassi, dove non stai giocando contro i migliori al mondo, potrebbero esserci 7 giocatori per tavolo che perdono il -50% di ROI. Ovviamente ci saranno altri giocatori estremamente skillati, così come giocatori ancora meno preparati, ma questa domanda, ‘Qual è un buon ROI‘ non sta considerando moltissimi dettagli davvero importanti.

Ok, ai tornei più piccoli puoi sperare di avere un 50%, 100% a seconda del field. Di solito più aumenta la larghezza del field, se sei più skillato dei tuoi avversari, più tempo passerai con giocatori scarsi, e il risultato sarà un ROI più elevato rispetto ad esempio ai tornei turbo.

In un Sit & Go turbo con 9 giocatori per esempio, quelli che giocavo quando avevo 18-21 anni, ne giocavo a migliaia e avevo un enorme, enorme ROI del 5%-10%. Potrebbe non sembrare molto, ma se giochi tante partite puoi stampare soldi. 

Detto ciò, i tornei multi tavolo (MTT) solitamente hanno ROI più alti, e troverai partite con montepremi garantiti, che hanno molti giocatori che arrivano via satellite eccetera, e di solito questo si traduce in un ROI più alto rispetto agli altri tornei.

 


Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Cinque consigli top per affrontare i momenti di downswing

Cinque consigli top per affrontare i momenti di downswing

Abbiamo affrontato nei giorni scorsi il tema della varianza e del modo di affrontare ogni momento del poker. Lo abbiamo fatto attraverso i consigli forniti da Vivian Saliba, team pro di 888poker. Questa volta facciamo nostre le parole di un altro esponente di questa...

leggi tutto
10bb non è push or fold: Fedor Holz flatta gli Assi OOP

10bb non è push or fold: Fedor Holz flatta gli Assi OOP

Chi gioca a poker dagli anni d'oro si ricorderà di quelle "regole" comuni dei tempi per semplificare la complessa strategia del gioco. Una di queste era il famoso "push or fold", derivato dallo studio dei Sit&Go dell'epoca. Essenzialmente, da short stack le scelte...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Phil 😄
Come posso aiutarti?