Stack effettivi – Perchè è fondamentale capire questo concetto

Giu 14, 2023

overbet stack effettivi

Il concetto di stack effettivi è facile da comprendere, un po’ meno da applicare. Per farlo, riprendendo anche un articolo pubblicato su PokerStrategy, facciamo un esempio molto semplice. Supponiamo di avere 100 big blinds, mentre il nostro avversario ne vanta circa 20. Dunque, secondo il concetto di stack effettivi, anche il nostro conterà si 20 big blind. Agli altri 80 non è successo assolutamente nulla.

Si tratta semplicemente di capire per quante chips stiamo giocando, nella mano specifica e in quelle a seguire. Sia che si vinca un colpo o che si perda, dobbiamo capire che il massimo di guadagno o di perdita ammonterà a quei 20 big blind dell’opponent. Capire questa dinamica è fondamentale per evitare di commettere uno degli errori più comuni nel poker di oggi.  

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Stack effettivi, un concetto fondamentale

Un errore molto comune è quello di guardare il nostro stack e non il più corto al tavolo. Questo errore porta anche a una errata selezione delle mani da giocare. Ad esempio, se la distanza tra il tuo stack e quello dell’opponent è minima, anche giocare con 5-4 suited potrà essere profittevole. Diversa è la situazione per cui tu giochi con 100 BB e il tuo avversario ne ha 20.

Un altro errore che i giocatori compiono è quello secondo cui il proprio stack è più “minaccioso” per gli altri, di quanto non lo sia realmente. Puoi mettere in difficoltà un avversario con un stack simile al tuo, anche con una mano debole, a patto che lui a sua volta abbia una starting hand marginale. Se invece ti trovi contro un giocatore molto più short di te, aggredirlo con mani deboli giusto per far sentire la tua “potenza” in chiave stack non è mai una buona idea.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
508 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Più in generale, è più difficile bluffare contro gli short, ma questo già lo sapevamo. Ciò non vuol dire che la situazione di stack effettivi non ti consenta di far valere il tuo stack, seppur in maniera non costante e senza una strategia. Un momento molto importante in cui valutare questo concetto è la fase finale di un torneo. Soprattutto in caso di calcolo dell’ICM per un eventuale deal. In questo caso avere uno stack sensibilmente più grande ti aiuterà.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Jonathan Little: “Ecco quando iniziare a bluffare”

Jonathan Little: “Ecco quando iniziare a bluffare”

Uno degli errori più frequenti commessi dai giocatori amatoriali è quello di puntare solo con una mano forte. A loro parere, come sottolinea Jonathan Little in un articolo su CardPlayer, l'unico modo per vincere è aspettare una premium hand e mettere le chips al...

leggi tutto
BB ante e BTN ante: cosa cambia e come funzionano?

BB ante e BTN ante: cosa cambia e come funzionano?

Nel poker live, oggi, BB ante e BTN ante sono le modalità più diffuse, al punto che praticamente le ante normali non si vedono più. Ma come funzionano e cosa cambia quando a pagare le ante sono il Big Blind o il Bottone?     Cosa è il BB Ante...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?