Ali Imsirovic: “Evitare questi tre errori ha lanciato la mia carriera”

Dic 11, 2021

ali imsirovic gpi index

Ogni giocatore di poker ha il suo piccolo segreto che l’ha aiutato a crescere come player, e alle volte ad arrivare all’apice del successo come mister Ali Imsirovic.

In un articolo del “lontano” 2018 su PokerNews, Ali ha spiegato quali sono i tre errori che una volta corretti gli hanno permesso di accelerare nella sua crescita.

Può essere un ottimo spunto per tutti i lettori di Grinderlab, che magari li commettono ancora o li sottovalutano. Scoprite i tre punti saldi di Ali Imsirovic, e se notate similitudini con il vostro gioco correte ai ripari al più presto!

 

Comparazione Bonus Poker

RoomBonusVisita
Rakeback
45%
Rakeback
20%
Rakeback
30%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Almedin spiega di aver trovato l’ispirazione per questo articolo sentendo i discorsi di due giocatori di un torneo da $10.000, e aver pensato di far notare loro che stavano dicendo solo cose errate.

Poi ha ricordato poco tempo prima quando era un regular del NL$5, e sembrava surreale essere a distanza di 18 mesi a un torneo contro i migliori del mondo. Ciò che gli ha permesso questa scalata è stato Upswing Poker, la scuola di Doug Polk, di cui Ali è stato il secondo iscritto nella storia.

Questi sono i tre errori che ha imparato da subito a correggere:

 

1 – Range troppo wide preflop

All’inizio della mia carriera giocavo troppe mani, contando sul fatto che potessi far foldare la gente. Costruivo articolati modi di sfidare me stesso, completamente non necessario.

Questa cosa ha espanso i miei orizzonti creativi come poker player, ma stavo semplicemente bruciando troppi soldi aprendo troppe trash hand.

Le tabelle di range create da Doug e Ryan erano molto diverse. All’inizio ero molto rigido e deviavo da questi range molto raramente, e il mio software di tracking mi ha dimostrato che solo così il mio winrate si è alzato di almeno 5bb/100. 

 

Comparatore Bonus Scommesse

BookmakerBonusVisita
Bonus
5€
Bonus
365€
Bonus
20€

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

2 – Strategia disorganizzata

Non avevo un metodo organizzato per scegliere le mani da puntare e checkare. Poi ho imparato a distribuire tutto in 4 categorie:

  1. Value bet – mani non per forza sempre in vantaggio, ma che in generale negano equity oltre a creare big pot quando sono davanti
  2. Check-call range – Puntavo troppo spesso con queste mani prima di imparare
  3. Bluff – All’inizio bluffavo troppo, poi per correggere il tiro troppo poco. Alla fine dopo tre mesi ho perfezionato questa porzione di strategia
  4. Fold – Facevo fatica a delineare il confine tra fold e bluff, per esempio a volte la differenza risiede solo nel seme di una delle due carte

 

3 – Bluffavo in maniera inefficiente

Bluffavo ogni mano del mio range su certe texture e nessuna in altre. Nel 2015 se aprivo da HJ una mano come 6♠4♠ e trovavo un flop 10-8-3-8-3 sentivo il bisogno di bluffare.

Questo bluff non è efficiente. Senza equity da migliorare tra turn e river, tutti potevano fare soldi contro di me semplicemente chiamando le mani migliori. Bastava chiamare o re-bluffare un po’ più light, come è tipico dei low stakes, e mi trovavo a bruciare soldi.

 


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Entra nella migliore community di poker in Italia

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutte le nostre iniziative !

x

Entra nella migliore community di poker in Italia

newsletter

Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Phil 😄
Come posso aiutarti?