Benjamin Rolle svela gli errori da non commettere in c-bet

Mar 30, 2024

Benjamin Rolle c-bet

La c-bet è senza dubbio un esercizio assai gradito a chi gioca a poker con una certa maestria. In altri casi è qualcosa di particolarmente spontaneo, in quanto si vuole dare forza e sostanza a un’azione forte ma non sempre “creduta”, come il raise pre-flop.

Un grande giocatore come Benjamin “bencb” Rolle, però, ha fornito dei consigli più che validi per evitare di commettere errori quando si c-betta. E uno di questi errori ci si sofferma è la c-bet in sé e per sé.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
508 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Benjamin Rolle e i consigli sulla c-bet

Rolle parte subito con un assunto. Secondo lui, come si legge su PokerStrategy, uno dei più grandi errori che si vedono in un pot 3-bettato è proprio il fatto di c-bettare in maniera eccessiva.

Alcuni giocatori sembrano proprio stabilizzarsi in quello che appare come un habitat naturale, legato al fatto di c-bettare in maniera quasi automatica. Per questo motivo non si riescono a fermare e a riflettere sulle varie situazioni che si ritrovano ad affrontare.

E così, prima ancora di rendersene conto, ci si ritrova fuori dai tornei. Per questo motivo bencb spiega come gestire una situazione del genere, in base alla posizione del nostro avversario.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

La c-bet in base alla posizione dell’opponent

Early e middle position

In questo caso il range del tuo avversario è molto forte. Immagina di giocare con circa 100 big blind e di fronteggiare una 3-bet da early position e tu sei in middle position, o viceversa. È molto raro che ti vada a 4-bettare con QQ o con A-K, quindi andrai a fare call.

Big blind

Il giocatore in questione ha un range molto più ampio, quindi possiamo andare in c-bet molto più spesso. Tuttavia, quando non sei in posizione e qualcuno fa call in posizione, il range di quest’ultimo è decisamente più forte di quanto si possa credere.

Bottone

Qui troviamo un giocatore che ha un range di mani decisamente meno debole rispetto al big blind. E a fronte di questo, dobbiamo ridurre drasticamente la frequenza di c-bet. Diciamo che possiamo c-bettare non più di una mano ogni due.

Dipende ovviamente dalla texture del board, ma non sei un abitué dei tornei di poker e non hai grossi indizi su percentuali e range di c-bet. Per questo motivo fissiamo il 50% delle mani come tetto massimo. Anche perchè ci sono tante probabilità che il turn sarà una buona carta per noi, quindi non possiamo lasciarci sfuggire l’occasione di arrivarci.

Nei casi in cui il turn possa essere una carta pessima per noi, riduciamo la percentuale di c-bet al 35/40%.

In ogni caso, la c-bet è un’arma da maneggiare con grandissima cura. Il rischio di abusarne, così come di usarla con eccessiva cautela, è molto alto.

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Lex Veldhuis svela i 5 vantaggi quotidiani nel poker

Lex Veldhuis svela i 5 vantaggi quotidiani nel poker

Se vuoi riuscire a migliorare e mantenere alte le tue performance nel poker - sia live che online - ci sono sempre degli accorgimenti da apportare. Non si tratta solo di cose da migliorare nel tuo stile di gioco, ma anche una gestione migliorare della tua routine...

leggi tutto
Il ritorno del chek-raise secondo Daniel Negreanu

Il ritorno del chek-raise secondo Daniel Negreanu

Nel giorno stesso in cui abbiamo parlato dell'exploit di Fedor Holz, Daniel Negreanu si unisce al coro parlando del check-raise che sta vivendo una rinascita. E come se non fosse abbastanza, spiega anche come contrastarlo... dobbiamo già buttare via i consigli del...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?