Bluff – Gli aspetti da seguire per farlo spesso e bene

Apr 19, 2024

bluff

La sacra arte del bluff è qualcosa che bisogna saper fare nel migliore dei modi. Bluffare giusto per farlo, sia nel breve che nel medio-lungo periodo, è un mezzo che ti accompagna molto rapidamente verso il fallimento della tua esperienza di gioco. Per questo motivo è sempre bene affidarsi a chi fa di questa arte un vero marchio di fabbrica. Come nel caso di Alex ‘assassinato’ Fitzgerald, il quale ha fornito cinque consigli molto utili da seguire.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
508 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

I consigli per un buon bluff

In primis Fitzgerald sostiene che per fare un buon bluff bisogna “puntare” i giocatori che giocano con un range di carte assai debole.

Si parte da chi gioca da big blind, una posizione dalla quale a nessuno piace foldare. Proprio questo è un range assai facile da attaccare, perchè spesso e volentieri si fronteggia un player che gioca con “carte spazzatura”. Un altro range da sfidare spesso è quello dei giocatori che cold-callano preflop con una certa regolarità. Questa è solitamente gente che ama guardare il flop, per poi foldare spesso e volentieri.

Chi è facilmente “attaccabile” in bluff è chi gioca in maniera passiva dei board abbastanza coordinati. Ad esempio chi ha coppie forti o addirittura doppia coppia. Se ci sarà solo un call al flop su una nostra puntata piccola, allora sarà facile bluffare turn e river.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Sfidare i giocatori “seri”

Un buon avversario sul quale bluffare è il giocatore “serio”. Parliamo di chi si dà un’aria di giocatore pensante, che folda spesso perchè non vuole dedicarsi a giocate troppo estrose. Per questo motivo farà fatica a credere che lo stai bluffando con tre puntate importanti, dal momento che la sua immagine tight non dovrebbe indurre a fare bluff contro di lui. E il bello, invece, è proprio questo…

Veniamo a un’altra mossa da prendere con le molle, ovvero lo shove. Se vuoi pushare in bluff, non farlo quando hai una quantità di chips medio-basse. Piuttosto fallo quando i pot sono grossi e tu hai un buono stack: abbasserai le possibilità di ricevere un call da una mano media.

Infine, Fitzgerald induce a concentrarti su quei giocatori che avvertono il “peso” del buy-in pagato a un torneo. Non tutti giocano a poker con grandissime disponibilità economiche. Per questo motivo, in maniera assai cinica, affrontare chi non ha grande dimestichezza con tornei da buy-in alti può pagare maggiori dividendi.

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Sopravvivere ai cooler: le istruzioni di Jonathan Little

Sopravvivere ai cooler: le istruzioni di Jonathan Little

Tra le tante definizioni che possiamo dare del poker, c'è anche quella di 'gioco dei cooler'. Gli incroci infoldabili di carte premium sono infatti parte integrante del Texas Hold'Em. Ma come sopravvivere quando ci si ritrova dalla parte sbagliata del cooler? Sulle...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?