Doug Polk senza freni ad HCL, ma l’ostacolo è dietro l’angolo

Nov 4, 2022

Doug Polk

Sessione in trasferta per il buon Doug Polk, che qualche giorno fa è stato protagonista del TV show più chiacchierato degli ultimi tempi. Stiamo ovviamente parlando dell’ Hustler Casino Live, che ha visto al proprio tavolo uno dei giocatori più bizzarri ed egocentrici della scena. E nella mano che stiamo per vedere, le cose non sono andate benissimo.

Il player americano, che nel frattempo è divenuto anche socio nella gestione della poker room del The Lodge, è andato a sbattere violentemente sul nuts. In questo caso J.R. non ha dovuto fare altro che attendere le mosse di un avversario intenzionato a farlo foldare a tutti i costi. Per noi è quasi superfluo sottolineare che non c’è riuscito…

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Doug Polk va a sbattere contro il nuts

Situazione: cash game livelli 100/200/400 dollari + big blind ante 200 dollari

Preflop: Polk rilancia a 1.000 dollari con K♠Q♠ da cut off. L’unico a giocare è J.R. con Q9♣ da big blind. Il pot sale a quota 2.900 dollari.

Flop: J104♣ – J.R. decide di checkare subito, Doug va con la c-bet a 1.700 dollari. C’è il call che porta il pot a quota 6.300 dollari.

Turn: 8♣ – ancora un check per J.R., Polk ci pensa su qualche secondo e spara la second barrel a 4.600 dollari. Arriva ancora il call, il pot sale a quota 15.500 dollari.

River: 5 – J.R. stavolta va in check raise: barrel da 24.200 dollari di Doug, rilancio a 60.000 dollari. Polk è dunque costretto a passare.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
508 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

La più classica delle mani in cui sei in bianco, cerchi di far foldare il tuo avversario con tre barrel – tra l’altro ben assestate – ma non c’è minimamente modo di riuscirci.

In un certo senso J.R. aiuta Doug Polk a liberarsi della mano con il check-raise molto strong al river. Probabilmente nella sua mente c’era la volontà di simulare un bluff, ma con una puntata anzichè un check (l’ennesimo) poteva indurre l’avversario a fare call o addirittura a rilanciare.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Come si ragiona in una mano High Stakes – Uri Peleg

Come si ragiona in una mano High Stakes – Uri Peleg

Di Uri Peleg abbiamo già parlato in passato. Si tratta di un player molto stimato per la sua comprensione della game theory, materia in cui eccelle in particolare per il cash game. E che gli ha permesso di perfezionare l'exploitative in un field quasi imbattibile....

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?