Phil Hellmuth short stack e pressato da Marchese: l’epilogo è il solito

Set 21, 2022

phil hellmuth

Phil Hellmuth è senza dubbio uno dei giocatori maggiormente celebrati nella storia recente del poker mondiale. Un dato in particolare parla per lui ed è ovviamente il record di braccialetti vinti alle World Series of Poker. Ma se c’è un aspetto del suo gioco che non è mai migliorato e forse mai migliorerà, è quello che stiamo per riscontrare.

In quella che è anche una pessima gestione del mindset in una situazione di short stack, The Poker Brat non riesce a gestire una mano all’apparenza facile. A Tom Marchese, così, basta davvero poco per portare a casa un pot di cui è stato unico aggressore post-flop. Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa ha combinato Hellmuth in questo colpo, giocato nel torneo da 50.000 dollari durante lo scorso Poker Masters.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
1000 €
508 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Phil Hellmuth vittima di se stesso

Situazione: final table livelli 20.000/40.000 big blind ante 40.000

Preflop: Hellmuth vede QJ♠ da early position e rilancia a 85.000, con Holz che fa call da small blind con un 7, anche se non conosciamo la seconda carta. Marchese vede 3♣2♣ da big blind e completa. Il pot sale a quota 285.000 chips.

Flop: KJ♣6♣ – tutti e tre optano per il check

Turn: 4 – ancora check di Holz, Marchese esce in puntata per 165.000 e trova il call di Hellmuth. Fedor invece passa. Il pot sale a quota 615.000 chips.

River: 8 – second barrel di Marchese che mette 425.000 chips al centro. Hellmuth viene praticamente messo ai resti e opta per il fold.

 

Comparazione Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
500 €
500 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Come abbiamo già scritto, Phil Hellmuth in questa situazione è vittima di se stesso. The Poker Brat, in un colpo dalla dinamica abbastanza standard, si lascia convincere del fatto di non avere la mano migliore.

Ne ottiene il massimo beneficio Tom Marchese, il quale ha cercato il bluff proprio in virtù dell’atteggiamento eccessivamente passivo del suo avversario. In casi del genere, chiunque abbia bucato il draw cerca l’aggressione in bluff al river. Il vortice negativo di Hellmuth, però, non ha consentito di leggere una situazione abbastanza standard.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Rampage is back! Colpo da sogno contro Nik Airball ad HCL

Rampage is back! Colpo da sogno contro Nik Airball ad HCL

L'assenza di Ethan Rampage dalle scene del cash game high stakes si è fatta sentire e non poco. Del resto stiamo parlando di uno dei giocatori più spettacolari della scena, tanto da aver attratto consensi tra gli appassionati, oltre che tra gli addetti ai lavori. Non...

leggi tutto
Come giocare AK secondo coach Jonathan Little

Come giocare AK secondo coach Jonathan Little

Asso-Kappa, croce e delizia di ogni pokerista. Non è un caso se la più forte mano 'non fatta' del gioco sia chiamata anche Anna Kournikova, come la tennista 'bella da vedere ma che vince di rado'. Per migliorare la condotta con A-K ci viene in aiuto una lezione di...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?