Poker Coach: Perchè sono importanti per vincere

Mag 4, 2019

Il poker è un gioco in cui la chiave per vincere è una sola: fare sempre la scelta giusta. Il fattore casuale nel poker chiaramente esiste ed è quello che dà esistenza alla varianza che si ripercuote poi nei risultati. L’obbiettivo che qualsiasi giocatore deve imporsi di raggiungere per vincere a poker è acquisire le capacità necessarie a contrastare quel fattore casuale.

Questo è esattamente quello che i coach di poker fanno: dare al giocatore tutte le conoscenze necessarie per vincere a poker facendo sempre la scelta giusta quando serve. I motivi per cui i coach di poker sono necessari per migliorare e vincere nel poker sono molti. Vediamo quindi i vari aspetti che rendono i poker coach utili e indispensabili se si vuole fare il level up da principiante a giocatore di poker competente.

 

Analisi degli errori

Nel poker i giocatori tendono ad avere uno stile di gioco costante e ripetuto nel tempo. Il problema è che, se in questo standard di gioco che un giocatore ha ci sono degli errori, quegli errori verranno ripetuti nel tempo costantemente. I coach di poker sono importantissimi proprio nell’analisi degli errori che commette un giocatore. Leggere un libro fornisce informazioni utili ma non è diretto e personale quanto invece un coach di poker. Avere un confronto diretto con un esperto ha un’efficienza estremamente maggiore. Il coach analizza il vostro gioco abituale evidenziando gli errori che commettete, durante le hand review infatti corregge i vostri ragionamenti sbagliati.

Per vincere a poker e migliorare bisogna fare una buona pulizia dei propri errori. Individuare questi errori e capirli è impossibile se non tramite un coach che li analizza e rende possibile metabolizzarli. Immaginate il coach come ad una luce che ci illumina una strada che non vedevamo molto più semplice e sicura di quella abituale. In qualche modo ogni giocatore, sopratutto quello meno esperto, è cieco rispetto a molti concetti del poker. È grazie proprio ai coach che si vedono errori che non si pensava di commettere e si migliora.

 

Costruzione dei range

Il lavoro dei coach non si limita ad analizzare e correggere gli errori sistematici che un giocatore commette. Fa parte del percorso di miglioramento che un coach avvia anche la costruzione dei vari tipi di range da seguire quando si gioca. Grazie ad un lavoro aggiornato e mirato ai tipi di tavoli che si affrontano, i poker coach elaborano per i propri giocatori i giusti range di apertura, difesa dei bui e così via. Rispetto al cercare materiale in rete o al chiedere all’amico più bravo, affidarsi ad una scuola di poker e ad un coach professionista è tutto un altro discorso.

La costruzione dei range nel poker è molto variabile, dipende da fattori diversi e in costante cambiamento. Inoltre l’assimilazione stessa dei range e il loro utilizzo dinamico è un’altra delle nozioni che un coach fornisce ai suoi giocatori. Non sottovalutate questo aspetto, il poker è un gioco in cui anche i dettagli nel lungo periodo hanno grande influenza.

 

Impostazione del gioco

I poker coach non si limitano a darvi una tabella di range da seguire e a rivedere i vostri errori bensì danno una vera e propria struttura al vostro gioco. L’impostazione corretta del proprio gioco è fondamentale per vincere su tutti i tavoli. Nel poker ci sono tantissime considerazioni da fare, non basta sapere quale mano giocare e quale no. Una grande differenza la fa il modo in cui giocate una mano e le declinazioni che siete in grado di adottare. Il coach, proprio in questo senso, insegna ai giocatori in che modo affrontare una mano, che size adottare e perché, in quali spot rilanciare e in quali limitarsi a chiamare.

Scegliere in maniera corretta la size da usare, come abbiamo già visto nelle 10 regole fondamentali per vincere a poker, è una delle principali cose che un coach cura dettagliatamente. Il coach di poker col suo lavoro dà ai giocatori un atteggiamento, un’impostazione di gioco, una sorta di base, grazie a tutto ciò è possibile vincere a poker nel lungo periodo. Non meno importante è proprio il fatto che tutto questo porta ad un vero e proprio level up nel proprio gioco. Questo miglioramento poi è radicato e permanente, rispetto a un range che può cambiare nel tempo per esempio, acquisire una struttura di gioco e delle abitudini da professionisti è qualcosa che rimane per sempre.

 

Organizzazione delle sessioni

Il lavoro del coach coinvolge anche l’aspetto organizzativo delle proprie sessioni. Nel percorso di studio che si intraprende con un coach, la durata delle sessioni e la scelta dei tavoli in cui giocare non è casuale. Parlando dei 5 errori più comuni dei principianti nel cash game, uno di questi era proprio la mancata analisi dei tavoli su cui giocare.

Il coach studia anche questo e stila il vero e proprio programma da seguire completo di tutto e fatto su misura in base alle vostre caratteristiche. Un lavoro di questo tipo, sopratutto nel mondo del poker, è molto prezioso ed è alla base se si vuole raggiungere il profitto. Nell’organizzare le sessioni il coach fornisce consigli di diverso tipo in virtù della sua esperienza, quanto spesso fare le pause o quali programmi usare mentre si gioca per esempio.

 

Gestione del mindset

Questo discorso viene spesso sottovalutato ma è veramente chiave se si vuole vincere a poker. Nel seguire un percorso insieme, il coach diventa una sorta di “spalla” su cui contiamo e che abbiamo al nostro fianco. Nella gestione del mindset, i suoi consigli e le sue parole sono fondamentali. Un po’ come uno psicologo, il coach cura l’impostazione di un mindset ottimale e sopratutto vincente. Chi ha successo nel poker è un vincente prima nella sua testa e poi nei tavoli da gioco.

Questo è un qualche modo ricorrente nel poker e negli altri giochi come nello sport. Un gioco ottimale senza una mentalità vincente non serve a nulla. Il poker è tanta varianza, costantemente si deve affrontare la realtà di risultati sfortunati e andamenti negativi. Metabolizzare tutto, andare oltre, accettare i picchi negativi, fa tutto parte del percorso per diventare un grande giocatore di poker. Il lavoro del coach è anche questo e non si limita alla sola strategia fine a se stessa.

L’importanza dei coach per vincere a poker è indiscutibile. Tutti i più grandi professionisti di poker conosciuti oggi sono partiti dal basso. Ognuno ha avuto un maestro, una guida che li ha seguiti e gli ha dato i mezzi per esprimete a pieno il proprio potenziale. I risultati delle scuole di poker non sono casuali, noi di Grinderlab abbiamo in questo senso ottenuto risultati incredibili grazie anche ai migliori coach professionisti di poker in Italia.

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Jonathan Little: “Ecco quando iniziare a bluffare”

Jonathan Little: “Ecco quando iniziare a bluffare”

Uno degli errori più frequenti commessi dai giocatori amatoriali è quello di puntare solo con una mano forte. A loro parere, come sottolinea Jonathan Little in un articolo su CardPlayer, l'unico modo per vincere è aspettare una premium hand e mettere le chips al...

leggi tutto
BB ante e BTN ante: cosa cambia e come funzionano?

BB ante e BTN ante: cosa cambia e come funzionano?

Nel poker live, oggi, BB ante e BTN ante sono le modalità più diffuse, al punto che praticamente le ante normali non si vedono più. Ma come funzionano e cosa cambia quando a pagare le ante sono il Big Blind o il Bottone?     Cosa è il BB Ante...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?