Doyle Brunson insegna: la old school ha ancora la meglio

Dic 10, 2021

Doyle Brunson high stakes poker 9 storie di poker 2023

Com’è sempre accaduto nella storia di questo grande torneo, anche in questa edizione il Main Event delle World Series of Poker ha dato spazio a grandissimi giocatori. Uno di questi è un certo Doyle Brunson, uno di quelli che non ha mai avuto e non avrà mai bisogno di presentazioni. Stiamo parlando di uno dei decani nonchè massimi esponenti del suo gioco. Uno di quelli che possiamo solo ringraziare per l’apporto dato al poker.

Nonostante il gioco abbia subìto delle notevoli variazioni ed evoluzioni, Texas Dolly sta continuando a lottare in maniera degna e vigorosa. Oltre a dimostrare che la cosiddetta old school riesce ancora a difendersi strenuamente al cospetto dei giovani esponenti dell’online. E nella mano che stiamo per esporre, risalente al Day 1A del Main Event WSOP di quest’anno, ve ne diamo una prova.

 

Comparazione Bonus Poker

RoomBonusVisita
Rakeback
45%
Rakeback
20%
Rakeback
30%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Un esempio chiaro di come il capo della “vecchia scuola” sappia ancora fare la scelta giusta.

Doyle Brunson azzecca il fold

Situazione: Day 1A Main Event WSOP, livelli 300/500 big blind ante 500

Preflop: Nguyen da early position limpa con 10♠10♣, Brunson gioca alla sua sinistra con A♦K♣ e si limita anch’egli al call. Yamin completa da small blind con 4♣2♣ e Lolis si guarda il flop gratis con Q♣3♣. Il pot ammonta a 2.500 chip.

Flop: A♣2♠9♥ – Yamin rompe subito gli indugi e punta 1.000, dopo il fold di Lolis la parola passa a Nguyen che fa ancora call. Doyle dal canto suo slow-playa la sua top pair e segue il call. Il pot sale a quota 5.500 chip.

Turn: A♠ – Questa volta Yamin fa check, così come Nguyen alla sua sinistra. Brunson non ci sta e punta 3.500 sfruttando la posizione. C’è il fold di Yamin e il call di Nguyen, con il pot che sale a quota 12.500 chip.

River: 10♥ – Nguyen fa check per la terza volta, la parola passa a Brunson che punta 12.000 chip. Il suo avversario ci pensa qualche secondo prima di rilanciare a 30.000, poco meno di metà stack. Doyle ci pensa per circa un minuto prima di foldare, indovinando la giocata.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
Rakeback
45%
Rakeback
40%
Rakeback
20%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Sappiamo tutti ciò che state pensando, ovvero che Brunson poteva checkare dietro al river riducendo al minimo i rischi, avendo valore di showdown. Invece il tentativo di massimizzare ha senso, visto che ha tris con top kicker e davvero pochissime mani lo battono, considerando tutti i draw che non si concretizzano con il 10♥ al river.

Alla fine dei conti si potrebbe pensare che è bastato un normalissimo check-raise fatto da meglio per far vincere il piatto a Nguyen. In realtà aver giocato milioni di mani ha consentito a Doyle di fiutare il pericolo e scappare. Del resto il suo avversario ha badato fin dall’inizio a tenere il piatto basso, limpando preflop e facendo call sulle prime due street. Quel check-raise, in un certo senso, aveva il sentore del pericolo.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Photo credit: PokerNews.com

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Rampage is back! Colpo da sogno contro Nik Airball ad HCL

Rampage is back! Colpo da sogno contro Nik Airball ad HCL

L'assenza di Ethan Rampage dalle scene del cash game high stakes si è fatta sentire e non poco. Del resto stiamo parlando di uno dei giocatori più spettacolari della scena, tanto da aver attratto consensi tra gli appassionati, oltre che tra gli addetti ai lavori. Non...

leggi tutto
Come giocare AK secondo coach Jonathan Little

Come giocare AK secondo coach Jonathan Little

Asso-Kappa, croce e delizia di ogni pokerista. Non è un caso se la più forte mano 'non fatta' del gioco sia chiamata anche Anna Kournikova, come la tennista 'bella da vedere ma che vince di rado'. Per migliorare la condotta con A-K ci viene in aiuto una lezione di...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?