‘vice_arlines’ risponde alle accuse: “Ho semplicemente scritto in chat”

Giu 19, 2024

Pochi giorni fa ‘vice_arlines’ ha shippato Sunday Special e NOS su PokerStars nella stessa sera. La community pokeristica italiana, però, non ha esultato, anzi ha accusato il vincitore di cheating a causa di un messaggio.

Sulla chat del NOS, Vittorio Maugini (il nome di ‘vice_arlines) ha chiesto “mo che chai“, e la foto di questo messaggio è rapidamente atterrata su un noto gruppo Facebook con la didascalia che, fondamentalmente, accusa Vittorio di aver avuto intenzione di comunicare le carte in privato con un altro giocatore.

Ieri abbiamo raccontato nei dettagli la vicenda della presunta collusion, spiegando che questa fosse, in effetti, una possibilità, ma che era necessario tenere in considerazione anche che fosse un innocente messaggio in chat e niente di più. Abbiamo invitato Vittorio a contattarci per dire la sua, e lui ha accettato.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Riporteremo le parole di Vittorio senza filtri, né commenti personali. Ciò che vogliamo è dare voce a tutte le parti coinvolte, e poi sarete voi lettori a farvi la vostra idea.

Il messaggio in chat

Ciao Vittorio, quel messaggio in chat ha scatenato il pandemonio tra i commenti. Vuoi dirci la tua?

“Riguardo a quel messaggio non so nemmeno benissimo cosa dire. Ovviamente non stavo scrivendo in una chat esterna, semplicemente avendo pochi tavoli ed essendo in un mood molto divertito, confident che avrei vinto o fatto deep*, ho scritto in chat, cosa che di solito non faccio. Di solito ho troppi tavoli o comunque non scrivo mai se non in toni scherzosi, ed era appunto l’intento di quel messaggio. 

Non ricordo esattamente in che momento l’ho mandato, ma se Stars dovesse andare a rivedere i tornei non sono tranquillo: di più! Anche perché, se ho capito bene, le accuse sono quelle di stare in accordi con “Mochuisle7”, che nessuno sa chi sia, io ben che meno (è tantissimo tempo che lo cerco tra l’altro) e soprattutto mi ci scanno da anni. È uno dei reg migliori che ci sia sul punto it, non fa sconti a nessuno, e non lo conosco, non è contattabile, non ci ho nulla a che fare.”

*: Vittorio ci ha raccontato anche la sua storia e la sua doppia vittoria domenicale. Per praticità e lunghezza abbiamo deciso di dividere tutto in due articoli, domani potrete leggere di questa sua sicurezza nella vittoria, e anche del gruppo di cui parlerà nel prossimo paragrafo.

 

Il gruppo sospetto

Alcuni commenti alludevano al fatto che fosse noto che fai collusion, sharing, o altre pratiche illecite. A cosa è dovuta questa voce?

“Allora questa voce sicuramente deriva dal fatto che io ero in questo gruppo di Emiliano, in cui sono entrato e sono cresciuto, in cui a un certo punto erano uscite delle robe arcinote che già si sanno e si erano risolte con parecchi ban.

C’è stato un periodo in cui un sacco di gente è stata bannata, mi pare che fosse due anni, un anno e mezzo fa. E poi anche Giovanni ‘Vop444’ era stato bannato. Però poi Stars aveva verificato e l’account è stato ridato.

 

Comparazione Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
500 €
500 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Io da conto mio posso dire che io da ormai più di un anno e passa che non faccio parte di nessun gruppo, e comunque anche quando ero ancora nel gruppo ero una figura quasi esterna negli ultimi anni. Dopo che ho finito il mio contratto di staking, quindi più di due anni fa.

Sono accuse che ci stanno, il contesto del punto-it è quello che è, e anche da prima di questa roba. Quello che non capisco è l’accanimento verso questo specifico gruppo. Io, che non gioco poi da così tanto, ho capito che ci sono sempre stati multi, collusion, sono venute fuori cose di tutti i tipi

Tra l’altro ho visto che uno dei commenti era proprio di Emanuele Monari, che fu coinvolto, non ricordo bene, in uno spot 3-handed con due collusi che furono bannati. E questi non facevano assolutamente parte del gruppo in questione, quindi boh non lo so.” 

Se hai altro da aggiungere, questo spazio è tuo.

“Unica cosa: mi dispiace un po’ che quando qualcuno vince il Sunday Special e il NOS, quindi una cosa un po’ – tra virgolette – ‘storica’, per una cagata scritta in chat nascano tutti questi polveroni e gente che ti augura le peggio cose. 

È un po’ faticoso, ecco. Cioè, è una cosa piccolissima, l’eco che ha il poker italiano non è grande, però comunque fa riflettere. Anche perché sono una persona che tendenzialmente non giudica nessuno, quindi essere giudicato, etichettato, per cose che non ho fatto, un po’ mi fa male, è brutto.”

La risposta sui social

Aggiungiamo per completezza a questa intervista che Vittorio è intervenuto anche nel post originale in questione.

Ha spiegato di non far parte di nessun gruppo ed essere sempre sospettoso di affrontare multi-account, tanto da aver riconosciuto la figuraccia di aver accusato Luca “7_Ch44kr4_7” Bossi, e ribadito di non avere contatti con MoChuisle e di essere speranzoso che PokerStars faccia le dovute verifiche.

 

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?