WSOP POY – L’alibi di ferro di Daniel Negreanu contro le accuse di Doug Polk

Nov 11, 2019

daniel-negreanu

Essere un influencer significa anche questo.

Ritagliarsi della visibilità extra attaccando un “collega”, o competitor se preferite, sulla sua onestà e trasparenza è stato un colpo basso, gratuito.

Specie per uno come Daniel Negreanu, che filma ogni istante della sua esistenza nel tentativo di risultare più genuino possibile ai suoi fan, che si prodiga in monologhi su qualsiasi cosa, che riesce addirittura a esser così friendly da farsi delle battute e ridere da solo…

L’attacco di Doug Polk a Daniel Negreanu sulla possibilità che il canadese fosse perfettamente a conoscenza dell’errore ha fatto “boom” e nella logica del mercato può anche esser tollerata. O forse no?

Una logica schiacciante

La tecnica utilizzata da Polk nello sminuire il “rivale” ricorda da lontano i sillogismi Aristotelici:

Possibile che uno così ossessionato dal POY come Daniel Negreanu non sia stato il primo ad accorgersi di questo errore?”.

Il che potrebbe tradursi come segue

  • Chi è ossessionato dalla POY è perfettamente al corrente del suo punteggio corretto.
  • Daniel Negreanu è ossessionato dalla POY
  • Daniel Negreanu è perfettamente al corrente del suo punteggio corretto.

Di conseguenza è impossibile che Daniel non si sia accorto della svista in tempi non sospetti, quindi mente.

L’alibi di ferro

Rispondere direttamente alle accuse sarebbe stato troppo.

Avrebbe dato loro una sorta di legittimazione oltre a un’eccessiva visibilità a un provocatore nato come Doug Polk.

Tuttavia Daniel ha colto subito la palla al balzo per scrivere un post sul blog fullcontactpoker.com e dire la sua sull’accaduto, congratulandosi col vincitore Robert Campbell e specificando che:

Se fossi stato al corrente della classifica corretta avei fatto delle scelte diverse in alcune fasi dei tornei a cui ho preso parte. Un esempio? Al 25K Short Deck ho passato coppia di Dame su un semplice raise per assicurarmi un cash che sarebbe valso punti importanti per la POY, preziosi per mantenere un certo vantaggio sugli inseguitori. 

Poi chissà, non posso certo sapere come sarebbe andata quella mano in particolare e come sarebbero cambiate le cose…Ma tutto sommato non ho rimpianti, ho fatto il massimo per raggiungere gli obiettivi che mi ero prefissato.”

Un modo molto sottile per spegnere sul nascere ogni polemica sulla sua presunta malafede. E se non volessimo credergli?

Punti di vista

Nel suddetto torneo, Daniel Negreanu si è classificato al 16° posto, per un cash da circa 37 mila dollari.

Un risultato non male in un evento dal buy-in importante, che in virtù delle quote vendute ai suoi follower – andate letteralmente a ruba – sarebbe stato sciocco buttare al vento nel tentativo di trovare un raddoppio in zona bolla, in un gioco a così alta varianza.

Specialmente perché, nonostante il secondo posto al WSOP POY e i 23 ITM conquistati, se escludiamo il milione e 700mila dollari ottenuti col secondo posto al WSOP 100K Super High Roller, il suo ROI è negativo.

Insomma, se non fosse stato per quel runner-up, tra Vegas e Rozvadov Daniel avrebbe avuto un ROI negativo superiore al 50%. La spending totale infatti è stata di circa 1.1 milioni a fronte di 2.2 incassati, numeri che al netto del Super HR diventano diventano 1 milione alla voce spese e 0.5 alla voce guadagni.

Non certamente dati incoraggianti per i suoi investitori, considerate le ambizioni del buon Daniel. Ok la classifica e quindi la necessità di assicurarsi dei punti fondamentali per consolidare il primato, ma se invece quella scelta fosse stata dettata da altri fattori e abilmente utilizzata come scusa per rispondere, in maniera indiretta e pacata, al J’accuse di Doug Polk?

Diteci la vostra lasciando un commento sui social!

CLICCA QUI per fare un recap sullo stravolgimento della classica WSOP POY

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Phil 😄
Come posso aiutarti?