La fine di un’era: Daniel Negreanu dà l’addio al poker per Dungeons & Dragons

Apr 1, 2021

Nulla è per sempre. Dopo molte altre leggende del poker, tra tutti Doyle Brunson, anche per Daniel Negreanu è arrivata infine l’ora di appendere le carte al chiodo.

Il poker lo sappiamo, è una disciplina dove bisogna costantemente lavorare per rimanere a lungo i numeri uno. Daniel Negreanu è (stato?) uno dei migliori per lunghissimi anni, anni che pensavamo sarebbero durati per sempre. 

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
Rakeback
45%
Rakeback
40%
Rakeback
20%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Daniel Negreanu: “Le ultime sfide mi hanno fatto riflettere”

Gli ultimi avvenimenti invece hanno portato alla riflessione Danielino, che dopo aver perso la sfida con Doug Polk e il primo match contro Phil Hellmuth ha dovuto accettare la triste realtà dei fatti.

“Semplicemente non mi sento più competitivo nel poker. Ho cominciato a giocare in un’epoca dove vincere era facile, e a quei tempi avevo senza dubbio una marcia in più contro il resto del field. Dall’avvento dei solver, della GTO, e dei nuovi giovani giocatori come Holz, Bonomo ed Erik Seidel tutto è diventato troppo difficile.” 

A dare il colpo di grazia all’ottimismo di Negreanu, sono stati proprio gli ultimi match Heads-Up disputati.

Lo sapevo che l’Heads-Up non è la mia specialità e avrei probabilmente perso contro Doug Polk, ma una batosta del genere non è facile da sopportare. Bisogna essere capaci di mettersi in discussione quando si capisce che è il momento di farlo. 

Ho lavorato duramente contro Doug, mi sono impegnato davvero per migliorare e sconfiggerlo, e semplicemente non è stato abbastanza. Poi proprio l’altro giorno ho perso anche il primo incontro con Hellmuth. A questo punto mi domando se non mi sono sempre sopravvalutato…” 

 

Daniel Negreanu ha fatto il suo tempo nel poker

Daniel è stato uno dei pochi che è riuscito a rimanere sulla cresta dell’onda da quando, come dice lui, il poker era semplice. È stato uno dei pochi ad accettare che il gioco evolvesse, e a studiarlo e impararlo per restare sempre un’eccellenza.

Restare al passo però non è sempre facile. Dando un’occhiata alle vincite di Danielino, anche se 3° nella All Time Money List, si nota subito come l’ultimo premio milionario risalga appena a 2 anni fa, e immaginando la spending di Negreanu non è proprio una buona notizia.

Aggiungiamo a questo che le analisi sul suo canale YouTube cominciano a riscuotere più critiche che complimenti, e per Daniel è arrivata l’ora di prendere l’amara decisione.

Non è facile nemmeno a livello emotivo, oltre che economico. Vedo che in generale il rispetto per me e per il mio gioco è diminuito dagli anni d’oro, su YouTube i miei commenti vengono ridicolizzati. 

Penso di aver fatto il mio tempo. Non nego, anzi vado fiero di ciò che ho fatto nel poker e per il poker, ma così non ha senso continuare. Meglio lasciare il palcoscenico ai giovani talenti, che prima o poi se lo sarebbero preso comunque.

Vorrei sottolineare: non dico di essere un giocatore perdente, anzi sono ancora nella top 100 mondiale, ma per quanto può durare? Le mie vincite non si avvicinano neanche lontanamente a quelle degli anni passati, e penso sia il momento perfetto per concludere la mia carriera, prima che arrivi il declino.”

 

Comparatore Bonus Scommesse

BookmakerBonusVisita
Bonus
20€
Bonus
20€
Bonus
100€

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Un futuro a dadi, bardi e paladini

Notizia shock per tutto il panorama pokeristico. Non abbiamo mai sentito Daniel dedicarsi ad altro che il poker, fatta eccezione per qualche altro gioco come Hearthstone o più di recente gli scacchi.

Cosa potrebbe fare Negreanu se non il poker pro? 

“Sono sempre stato un amante del gioco, in tutte le sue forme, e lavorare e vivere in questo ambiente mi ha permesso di stringere molti contatti

Ora la proposta più interessante viene dalla società Wizards, che mi ha proposto una sponsorizzazione per giocare a Dungeons & Dragons su Twitch e tornei live quando riapriranno. 

Ho una certa esperienza con D&D, e ho trovato molti punti in comune con il poker, e altri dove posso sfruttare le conoscenze di odds e percentuali che altri non hanno. 

La classe più forte, almeno nella quinta edizione, è senza dubbio il bardo, che ho studiato a fondo trovando un set di magie perfetto per essere inexploitabile da qualunque genere di mostro. 

A dirla tutta contro i draghi potrei avere qualche difficoltà, quindi se qualche pro di D&D crede di essere capace di giocare in maniera ottimale un paladino umano mi contatti pure.”

A questo alcune indiscrezioni nate sui forum riferirebbero di un contratto di sponsorizzazione del valore di circa $200.000 al mese, davvero niente male per un nome che -almeno in quell’ambiente- è ancora sconosciuto.

Qui potete trovare il video della prima sessione introduttiva di Daniel.

 


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Scopri i deal Rakeback di Grinderlab!

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Lo speech di Giuliano Bendinelli al TEDx Torino

Lo speech di Giuliano Bendinelli al TEDx Torino

Lo avevamo anticipato, poi ce lo aveva raccontato Giuliano, finalmente lo possiamo vedere coi nostri occhi! In fondo a questa pagina abbiamo pubblicato il video dello speech integrale di Giuliano Bendinelli al teatro Regio di Torino in occasione del TEDx a tema...

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?