Giada Fang sul nuovo libro GTO Semplificata: “Utile per il 95% dei player”

Mar 18, 2024

Giada Fang GTO Semplificata

Giada Fang per molti è un volto storico del poker italiano, una delle prime SuperNova Elite su PokerStars, una grande giocatrice e sempre disponibile a dare il suo contributo al nostro piccolo universo.

Negli ultimi anni, una delle sue attività è quella di curare le traduzioni in italiano dei più validi libri sul poker, che ultimamente portano sempre la firma di Dara O’Kearney e Barry Carter. Dopo Endgame Poker Strategy e PKO Poker Strategy, il nuovo libro è sul tema più caldo del momento, la GTO.

GTO Simplified in Italiano ci era già stato “spoilerato” da Giada qualche tempo fa. Si tratta di un libro tanto ambizioso quanto utile per il poker nel 2024, ma le penne eccelse autrici di questo libro sono state capaci di spiegare veramente la GTO in modo semplice al popolo di lettori? Chiediamolo direttamente a CatSniper84.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
965 €
1000 €
20 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Intervista a Giada Fang sul libro GTO Semplificata

Ciao Giada, bentornata su queste pagine. Questo libro è su uno degli argomenti più complessi del poker, la GTO, ma “semplificata”. A chi è rivolto?

“Il libro si chiama “La GTO Semplificata” perché mira appunto a semplificare i concetti della GTO e a renderla accessibile a un pubblico più vasto.

È rivolto soprattutto a persone che hanno già esperienza di poker ma che non si sono ancora cimentate troppo sullo studio della GTO sui solver, ed è utile soprattutto per capire come approcciarsi agli output di un solver e inglobarli nel proprio gioco.

Punta a chi ha una conoscenza di base del gioco, almeno la terminologia, ma non ha mai approcciato seriamente al mondo del poker moderno e dei solver. E credo che questo sia il 90% dei giocatori di poker in Italia, perché quelli che davvero sanno smanettare sui solver sono pochi.

Inoltre, per chi usa GTOWizard farebbe bene una rinfrescata su questo libro, perché spiega il corretto approccio a questi output che si trovano al giorno d’oggi. Ricordiamo che non sono soluzioni, ma database dove cercare gli spot più simili a quello che ci interessa.

Insomma, secondo me si rivolge a un buon 95% di giocatori, e per questo nonostante sia uscito da poche settimane sta già riscontrando un grande successo.”

 

Come si fa a semplificare la GTO?

“Bella domanda! “Semplificata” è l’aggettivo che abbiamo scelto per il titolo, in realtà potrebbe chiamarsi “La GTO spiegata” o “La GTO applicata al gioco“. È proprio un primo approccio, perché prende degli esempi di output dei solver e cerca di spiegare come questi vadano applicati e incorporati al proprio gioco quotidiano.”

 

Traducendo questo libro hai imparato qualcosa di interessante in particolare che vuoi condividere con gli amici di Grinderlab? 

“Nel tradurre questo libro, pur usando già solver e tutto, mi sono fissata di più in testa alcuni concetti chiave e base che nel tempo si tende a dimenticare, come il fatto di non usare gli output per giustificare le proprie giocate ma di trovare sempre la linea più corretta possibile, per esempio.”

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Che cosa contiene il libro, quali argomenti tratta?

“Il libro spiega cosa sia la GTO anche con esempi che non c’entrano con il poker, per spiegare il concetto di equilibrio. Spiega quanto siano importanti le value-bet e quanto tutto il resto come bluff e hero call servano solo a bilanciare le puntate per valore. Poi spiega benissimo i concetti importantissimi di range e nuts advantage che sono importantissimi, spiega i blocker, la board coverage.

Poi c’è una seconda parte sull’analisi dettagliata delle street una per una, dal river fino al preflop. Infine esplora come si rapporta la GTO con altri concetti importanti del poker come l’ICM, il mindset, il bankroll eccetera eccetera.”

*Nel prossimo paragrafo potrai trovare qualche estratto del libro.

 

Parla anche di gioco exploitative, o considera solo ed esclusivamente la GTO?

“Per ogni output che considera fa anche qualche riflessione sull’exploit, ma senza addentrarsi troppo per non confondere il lettore. Comunque fa costantemente paragoni tra GTO e gioco exploitativo, quale sia meglio utilizzare e come utilizzarlo.

Affronta soprattutto MTT perché gli autori sono specializzati in quello, ma anche molto cash game. Ma i concetti possono essere estesi a qualunque altra disciplina.”

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
500 €
20 €
200 €

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Alcuni estratti del libro sulla GTO

La strategia Game Theory Optimal (GTO) è una strategia che non può essere exploitata, cioè da cui non si può trarre vantaggio. Significa non avere falle nel tuo gioco come la tendenza a bluffare troppo o troppo poco, o a chiamare troppo o troppo poco, cose che potrebbero essere usate da un avversario contro di te. L’alternativa alla strategia GTO è il poker exploitativo, ossia adattare il tuo gioco per estrarre più soldi da un giocatore, sfruttando ovviamente una sua debolezza.

Una delle cose che un solver fa perfettamente, ma che per un essere umano è impossibile, è scegliere la size di bet migliore per un intero range di mani, basandosi su un numero di fattori come il range avversario, la copertura del board, il bilanciamento bluff/value, i blocker, i semibluff e almeno 20 altri fattori. Quello che possiamo fare noi è estrapolare da pattern di situazioni simili dei concetti chiave da applicare poi ai tavoli, vedendo come il solver sceglie le strategie per ogni mano.

La maggior parte delle persone riesce ad assegnare un range ad un avversario e a visualizzarlo in qualche modo, la parte difficile è riuscire ad elaborarlo correttamente nel procedere della mano attraverso flop, turn e river. Non solo i range cambiano, ma cambia anche chi ha vantaggio di range o del nuts. Quando un giocatore punta il suo range è già cambiato (a meno che non lo faccia con tutto il suo range), perché le mani con cui avrebbe checkato sono state eliminate. Quando un giocatore chiama, tutte le mani con cui avrebbe foldato o check/raisato sono state eliminate. Persino quando entrambi i giocatori fanno check i loro range cambiano sensibilmente.
I range si fanno sempre più polarizzati perché ovviamente vanno avanti solo le mani che sono abbastanza forti per chiamare una bet. Ecco perché in genere il vantaggio di range si inverte al turn o al river.

 

Photo credits: PSPC – PokerNews

Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?