Bill Perkins perde 5 stack contro Polk, ma è pronto alla sfida con Landon Tice

Mag 4, 2021

Bill Perkins perde 5 stack contro Polk, ma è pronto alla sfida con Landon Tice

Nell’epoca degli scontri Heads-Up, non poteva mancare il “prop-bettista” per eccellenza Bill Perkins.

Di recente Bill è stato protagonista di una mini-sessione di fuoco contro niente meno che Doug Polk, in preparazione alla sfida con Landon Tice.

Perkins non ha trovato gran fortuna in questa battaglia a stakes $200/$400 contro uno dei grandi maestri dell’Heads-Up, dichiarando su Twitter la sconfitta, anche se il campione di mani non è esattamente significativo.

 

Comparatore Bonus Poker

RoomBonusVisita
Rakeback
45%
Rakeback
40%
Rakeback
20%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Perkins vs. Polk

A fine aprile è stato proprio Bill a raccontare la sessione contro Polk:

“Ho perso circa 5,5 buy-in contro Doug Polk su 1.650 mani. Ci sono stati due errori principali: 1) So che la sta combinando, ma fanculo devo vedere, e poi che ho letto male le mie tabelle ritrovandomi in una situazione che mi è costata 3 buy-in. Sicuramente ci sono stati altri errori.”

Più ironico il commento di Polk: “Giusto 2000 mani al 200/400 fino alle 4 del mattino, cose standard per i giocatori ritirati.” per poi correggere “In realtà erano circa 1650 mani, praticamente nulla.”

Nel frattempo le battute sui social si sprecano, visto che un giorno prima Polk, appena trasferitosi in Texas da Las Vegas, aveva twittato di non essersi mai sentito così povero.

Con qualcosa come $220.000 in più sul conto forse riuscirà a pagare il mutuo… e come dice Perkins, tutto aiuta!

 

Bill Perkins contro Landon Tice

Tra i commenti al post principale, Perkins fa intendere che si sia trattata di una sessione di riscaldamento, che ha già avuto forse la sua utilità:

“Se riuscirò ad eliminare questi errori sento che sarò davvero tosto in futuro. Sto pensando di testare i miei progressi contro Landon Tice”

Questo nome non è a caso: verso febbraio di questo stesso anno, Bill e Landon si sono ufficialmente sfidati a una challenge Heads-Up a limiti $200/$400 (gli stessi giocati contro Polk) per 20.000 mani (un po’ meno del match Polk-Negreanu e della maggior parte delle Galfond Challenge).

Landon Tice peraltro ha concesso un vantaggio di 9 bb/100 a Perkins, in altri termini $720.000. Questo sarà il minimo, pertanto, che Landon dovrà vincere per chiudere la sfida in profitto.

 

Comparatore Bonus Scommesse

BookmakerBonusVisita
Bonus
365€
Bonus
20€

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Curiosa “home rule”, successiva alla strategia a bassa varianza di Doug Polk quando si è trovato in vantaggio contro Negreanu: in questo match non si potrà limpare.

Per chi non lo sapesse, Landon Tice è un giocatore Heads-Up No Limit Hold’Em di appena 21 anni, decisamente molto forte ma presumibilmente senza l’esperienza di giocatori come Polk, e senza nemmeno lo stesso bankroll.

In questo tweet in sostanza Landon dichiara di voler vendere moltissime quote, perché non ha il roll per giocare a quei livelli. Nonostante ciò, specifica di essere pronto a mettere gran parte dei suoi soldi scommettendo su di sé.

Si vede che Tice è decisamente sicuro di sé, già solo il vantaggio di 9 bb/100 è di per sé un territorio pericoloso, in particolare se si gioca a limiti a cui non si è abituati.

Considerate che Polk è uscito con un profit di circa 12 bb/100 contro Negreanu; è vero che Perkins non è Negreanu, ma è anche vero che probabilmente Tice non è Polk, e in ogni caso su un campione di 20.000 mani la varianza ha ancora molto da dire.

Senza conoscere il gioco dei due protagonisti non ci sbilanceremo in previsioni, ma le quote danno comunque per favorito Tice, la cui vittoria (più di $720.000) è quotata 1.61. Scommettere su Perkins, che potrebbe accontentarsi di perdere non più di 720k, 2.40.

 


Entra nella migliore community sul poker

Accedi al gruppo Facebook per confrontarti con centinaia di Grinders e restare aggiornato sulle iniziative di Grinderlab

Potrebbe interessarti anche:

La storia di Stu Ungar raccontata da Carlo Lucarelli

La storia di Stu Ungar raccontata da Carlo Lucarelli

Del mito di Stu Ungar abbiamo parlato in lungo e in largo. Del resto è uno dei pochi meritevoli davvero del titolo di "leggenda del poker", un po' per i successi incredibili, un po' perché i racconti delle sue skill erano probabilmente superiori alla realtà......

leggi tutto
Chatta
Serve aiuto?
Ciao, sono Dario 😄
Come posso aiutarti?